Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Sambenedettese, Maxi Lopez: “La Roma è una grandissima squadra”

“Per noi è un risultato positivo”

L’attaccante della Sambenedettese Maxi Lopez ha parlato al termine del match a Sky. Queste le sue parole:

Che Roma hai visto?
“La Roma è una grandissima squadra. Per noi è un risultato positivo, giocare qui con questi grandi campioni è un’esperienza ottima per crescere”.

Messi?
“Secondo me lui aveva già deciso. I grandi campioni vanno messi a proprio agio e il Barcellona da qualche anno è un po’ indietro. Devono fare una squadra alla sua altezza”.

Chi è meglio per l’attacco della Juve tra Dzeko, Suarez e Cavani?
“Sono tre giocatori importanti. Suarez sarebbe un colpo enorme per il calcio italiano”.

Che Serie A ti aspetti?
“Mi piacerebbe vedere un campionato più combattuto. Credo che Pirlo abbia una grande esperienza nello spogliatoio ma allenare è un’altra cosa. Ma la squadra è forte e va da sola”.

Maxi Lopez a Roma TV

Da dove nasce questa voglia di giocare in Serie C?
“Conoscevo il presidente da qualche anno, quando mi ha raccontato il progetto insieme all’allenatore, mi ha convinto. Mi trovo sempre bene in Italia, è un’esperienza nuova, spero che vada a buon fine e di divertirmi”.

Che Roma hai visto?
“Ho visto tantissimi campioni, al di là del fatto che molti sono in nazionale. È una squadra ben attrezzata, ha un nuovo presidente e mi auguro che vada bene che raggiunga i suoi obiettivi. Mi piace il suo tifo, la sua grinta, sono per le squadre forti”.

Che Serie A prevedi?
“Speriamo sia più equilibrato, più aperto”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News