Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

A una settimana dal via la Roma non è pronta

Troppi equivoci e incognite a sette giorni dal debutto di Verona

A una settimana dal via la Roma appare come la meno pronta tra le big di Serie A. Il pareggio a Cagliari in rimonta ha fotografato pregi e difetti della rosa. I Friedkin sono subentrati il 17 agosto, sono arrivati nella Capitale solo da qualche giorno e devono operare con una ricostruzione. La Roma ereditata da Pallotta non ha un direttore sportivo ed è sbilanciata nei ruoli: tanti trequartisti, pochi difensori ed esterni affidabili e manca un vice-Dzeko, lui stesso in bilico, e ha perso Zaniolo.

Il mercato lo sta facendo il plenipotenziario Fienga, che si affida ai procuratori, che curano i loro interessi e dei calciatori assistiti, e non certo quelli della Roma, che ha bisogno di plusvalenze, acquisti intelligenti e investimenti mirati. Prima di comprare vanno venduti giocatori che nessuno vuole acquistare: da Pastore a Fazio, da Perotti (di nuovo infortunato) a Juan Jesus, liberarsi di ingaggi pesanti è davvero un’impresa ma diventa necessario nel piano di Friedkin.

Dzeko, sta pensando di andarsene e la società non gli impedirà di farlo se nel frattempo avrà acquistato un sostituto. Milik o chi per lui. Non aver sciolto un nodo così centrale a sette giorni dall’inizio della Serie A è un grosso problema. Fonseca è ripartito con troppi dubbi attorno a sé, senza la fiducia di cui sembrava godere la scorsa stagione, sia da parte dei calciatori che dei dirigenti stessi. Lo scrive Il Tempo.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa