Resta in contatto

Mimmo Ferretti

Milan-Roma 3-3: Kumbulla concede il bis, Karsdorp pure. Le pagelle di Mimmo Ferretti

Pareggio scoppiettante a San Siro

MIRANTE    6.5

Tradito (ma non esente da colpe…) da Kumbulla sulla prima rete di Ibra, a seguire vola plasticamente a respingere un colpo di testa di Romagnoli e una complicata botta su punizione di Calhanoglu. Nulla da fare su Saelemakers e sul rigore di Zlatan. Determinante sulla spizzata di testa di Kessie, nel finale. All’ultimo respiro, uscendo fuori tempo su un angolo, rischia però di beccare gol sul colpo di testa di Romagnoli. Gli va bene.

IBANEZ   5,5

Giostra sul centro-destra della difesa a tre e, in tandem con Karsdorp, fatica tanto su Leao, spesso senza trovare il tempo giusto di intervento. E talvolta si muove con eccessiva foga. Cresce a fatica con il passare dei minuti e toppa clamorosamente l’ultima difesa da corner su Romagnoli. La fortuna lo aiuta.

MANCINI    6

Centrale dei centrali, gli tocca il gravoso compito di fare a sportellate con Ibra. Non si limita a quello, però. Partita di sostanza.

KUMBULLA   6,5

Calcola male quel passaggio in diagonale di Leao per Ibra e spiana la strada al Milan per la rete del primo vantaggio. Si fa perdonare, con tempismo estremo, segnando da attaccante smaliziato il gol del pari finale. Bis dopo Berna. E il voto si impenna verso l’alto.

KARSDORP   5-

Gioca quinto a destra con il compito di “difendere” su Theo Hernandez ma – poco aiutato da Ibanez – si dimentica di controllare Leao, che su quella corsia va ad un’altra velocità. Acerbo tatticamente e con poca benzina in corpo. Dopo Berna, concede un bis ancora insufficiente.

VERETOUT   6,5

Stenta a trovare la corretta posizione, lì in mezzo al campo. Ruba pochi palloni e troppo raramente si butta in avanti. Cresce tatticamente nella ripresa e realizza con estrema freddezza il calcio di rigore. E il voto sale.

PELLEGRINI   6,5

Personalità, in primis. E poi una presenza costante, e non solo di qualità, in ogni angolo della metà campo del Milan. Artistico al limite dell’area del Milan. Ripresa in tono minore. Peccato.

SPINAZZOLA   5,5

Attacca solo quando capisce che è il caso di farlo: se vede che l’equilibrio di squadra non è buono, rinuncia. Per lui non è una grande serata, però.

PEDRO   6

Si muove sulla destra, soprattutto. E meno di Micki si dedica alla fase difensiva. In debito di ossigeno troppo presto. Rimedia il rigore, ma è un regalo.

MKHITARYAN   6

Quando il Milan prende il controllo del pallone, la Roma si sistema con il 4-4-2 e lui va a finire sulla linea di metà campo. Quando la Roma attacca, nella prima frazione gli manca il guizzo ottimale. Secondo tempo in crescendo, più propositivo.

DZEKO   6,5

Tatarusanu sbaglia grossolanamente l’uscita alta, Edin non perdona firmando di testa – in anticipo su Romagnoli –  la rete numero 109 in maglia giallorossa. 

BRUNO PERES   NG

Entra per Karsdorp, esce Leao e lui rischia poco.

CRISTANTE   NG

Per Pellegrini, fa in tempo a farsi ammonire. Ma c’è quando la Roma segna la terza rete.

VILLAR   NG

Al posto di Veretout dopo la rete di Kumbulla. Presenza per le statistiche.

FONSECA   6

Insiste con la difesa a tre, mette Ibanez sul centro-destra e piazza Karsdorp quinto a destra ma soprattutto l’olandese non gli dà quanto sperato. La Roma, comunque, rimonta tre volte in casa della capolista e continua a essere imbattuta sul campo: un segnale (importante) che non può non chiamarlo in causa.

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
30 giorni fa

per il popolino romanista c’è sempre un capro espiatorio! Per il vero tifoso non esiste il carro del vincitore, ma solo il carro della sacra Magika, senza andare alla ricerca di vittime da catechizzare!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
30 giorni fa

Su karsdorp nn mi trovi daccordo..è un buon giocatore e ha fatto una buona partita (nn scordate chi marcava) …😀 ma Veretout ??..un lupo in campo con la forza di un orso 💛❤

Commento da Facebook
Commento da Facebook
30 giorni fa

Anzi che ha dato la sufficienza a Fonseca…
Una sequenza di risultati positivi da record ed al massimo strappa un 6.
Mah

mauro paris
mauro paris
30 giorni fa

secondo me sono tutti sufficienti, rimontare sul milan non e´facile, abbamo molti giocatori giovani specialmente in difesa, per questo motivo sono ottimista,

Max
Max
1 mese fa

C’era una volta Mimmo Ferretti … quando parlava (e scriveva) di calcio non mi perdevo una battuta. Ora si dedica principalmente a parlar male di giornali, giornalisti, Radio e TV piuttosto che dedicarsi a tattica moduli giocatori etc, tutti argomenti nei quali era (sarebbe ancora) un’eccellenza . A mio modestissimo avviso Mimmo si è calato in un personaggio troppo astioso. Spero legga questo commento e torni quello di un tempo .

dad66
dad66
1 mese fa
Reply to  Max

Ciao Max, mi sembra che su questo portale Mimmo sia quello che conosciamo. Commento tecnico arguto sulle prestazioni dei nostri e niente più…

Max
Max
1 mese fa
Reply to  dad66

Auspico che anche in voce ritorni ad esserlo. Nessuna intenzione di fare polemiche con nessuno, meno che mai con questo portale, che apprezzzo moltissimo

Advertisement

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Tifo Lazio ma ammiravo Agostino come calciatore e come uomo. Apprezzo molto anche suo figlio. Il coro con il suo nome mi faceva venire i brividi."

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Totti.?.un mito la laggenda calcistica che mi ha reso orgoglioso più di quanto lo fossi , tifoso della Roma. E con tutto il rispetto per gli attuali..."

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Te vojo bene Principe! Sei stato il mio idolo da ragazzino, dopo Falcao il giocatore che mi ha fatto innamorare della AsRoma e di Roma."

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Gli anni della Magica... indimenticabili momenti di sport ancora genuini con un allenatore maestro in tutti i sensi un grazie grande e sentito......"

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "L'anima della Roma"
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Altro da Mimmo Ferretti