Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Mimmo Ferretti

Napoli-Roma 4-0: una Roma completamente da bocciare. Le pagelle di Mimmo Ferretti

Blackout giallorosso al San Paolo

MIRANTE  4

La punizione-gol di Insigne non era imprendibile: la sua partenza in ritardo sul tiro determina, di fatto, la rete. A seguire salva con classe su Mertens. Nella ripresa frena in avvio Lozano, poi si addormenta sul tiro-gol di Fabian Ruiz che passa tra le gambe di Juan Jesus. E infine fa felice anche Mertens, donandogli puerilmente la palla del terzo, facile gol.

IBANEZ   4,5

Gioca anche se non è a posto fisicamente e va sul centro-destra con il compito di dare un’occhiata accurata a Insigne. E non solo, però. Un suo fallo su Mertens, ad esempio, confeziona la punizione-gol di Insigne. Non riesce, pur impegnandosi, a salvare la difesa. Intorno a lui il nulla o quasi.

CRISTANTE    4

Centrale dei centrali, ancora una volta: in avvio cerca di dare robustezza alla difesa e di costruire dal basso. Suo l’unico tiro (alto) della Roma nel primo tempo. Con il Napoli avanti di due reti si sposta più in avanti. Inutilmente. Anzi… Gara senza grosso senso.

MANCINI   SV

Parte sul centro-sinistra, ma non sta bene. E, infatti, è costretto ad alzare bandiera bianca prima del fischio di intervallo.

KARSDORP  4

Duella (o dovrebbe duellare…) lungo tutta la corsia destra della Roma con l’ex Mario Rui ma l’olandese lo attacca molto poco. E se deve fare il difensore, i problemi aumentano. Come accaduto sistematicamente nel secondo tempo. Prestazione sostanzialmente statica. Brutta.

VERETOUT   4

Si vede pochissimo fino al momento in cui si getta a terra per un problema muscolare. E forse proprio per quello non si era mai visto in precedenza. Resta negli spogliatoi durante l’intervallo. 

PELLEGRINI   4

Troppo compassato, lì in mezzo. I centrocampisti di Gattuso lo annullano senza problemi. Non si ricorda una sua buona giocata.

SPINAZZOLA  5

Scintillante la sua battaglia con Lozano ma davanti, almeno nella prima frazione, si vede molto raramente. Stesso discorso nella ripresa. Buone intenzioni, zero cose belle.

PEDRO  4

Una serie di inusuali errori tecnici, per lo spagnolo. Primo tempo da dimenticare. Secondo pure.

MKHITARYAN   4

Assente o quasi, nella prima frazione. Commette errori impensabili per uno come lui. Uscito Dzeko, fa per un po’ il centravanti. Male. Serataccia.

DZEKO  4

Dà l’impressione di non stare in piedi. E l’impressione, via via, si rivela corretta. Un tiretto nel secondo tempo e nulla più.

JESUS   5

Rileva, con gli stessi compiti, l’infortunato Mancini: fa quello che può circondato da compagni in bambola.

VILLAR   5,5

Al posto di Veretout dall’inizio della ripresa: porta brio e idee, ma dura poco.

CARLES PEREZ   SV

Al posto di Dzeko. E fa la punta, anche se decentrata.

BORJA MAYORAL   SV

Per Pellegrini, a un quarto d’ora dalla fine. 

FONSECA   4

Roma irriconoscibile e tradita tecnicamente non soltanto dai suoi uomini migliori. Squadra senza coraggio, con una difesa piatta e poco aggressiva: lui non può essere esente da responsabilità. E la modalità dei cambi, stavolta, non convince fino in fondo.

16 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

16 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Mimmo Ferretti