Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mayoral, dopo la notte buia serve un nuovo scatto

Lo spagnolo a cerca di riscatto

A Roma esistono giorni tristi che durano in eterno e momenti di felicità che vengono spazzati via in un attimo. È nel Dna di una città che brucia tutto in fretta: dall’amore passionale alle arrabbiature. Tutto passa nella Capitale e Borja Mayoral l’ha capito in queste ore così tormentate per lui e per l’intera squadra.

Poco più di una settimana fa, sui social, spopolava un coro fatto a misura di spagnolo: “O lele o lala… Borja Mayoral, Borja Mayoral!“. Lo cantavano tutti, a Trigoria e non solo, come fosse un tormentone estivo. Oggi, negli stessi luoghi, i tifosi delusi imputano al ragazzo un’importante fetta di responsabilità per la sconfitta contro lo Spezia.

La conseguenza di Roma–Spezia è che Mayoral dovrà scalare di nuovo la montagna della fiducia. Non che prima fosse in cima: ha giocato titolare per esigenze piuttosto che per reale scelta dell’allenatore. Ma la piazza sì, chiedeva più spazio per il 23enne con l’istinto da killer sotto porta. La partita di martedì sera va dunque archiviata come una serataccia. Borja si rimetterà in cammino con una certezza: le occasioni sbagliate sono comunque occasioni create e un centravanti pericoloso è sempre meglio di un centravanti innocuo. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa