Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Omid Namazi: “Reynolds cresciuto grazie a me, può diventare come Cafu”

In esclusiva a Teleradiostereo ha parlato l’ex CT degli Stati Uniti U18 e U20, colui che ha visto crescere il neo acquisto della Roma

Arrivato da pochi giorni ma già sulla bocca di tutti da settimane, Bryan Reynolds è uno dei profili più seguiti del mercato internazionale, strappato da Tiago Pinto alla concorrenza grazie anche all’aiuto dei Friedkin. Ha parlato di lui l’ex commissario tecnico delle nazionali giovanili statunitensi.

Così Omid Namazi a Teleradiostereo:

Lei ha allenato Reynolds, cosa può dirci di lui?
L’ho preso a 14-15 anni, giocava da ala d’attacco, poi lo arretrai in difesa. Sfrutta molto la sua velocità, ha una grande fisicità, spesso ha giocato in un assetto a 5, si trova bene in quella posizione, dove ha tutto il campo a disposizione. Ha fatto un grande lavoro su sè stesso in questi anni.

Quali sono le sue migliori caratteristiche?
Bryan ha una grande tecnica individuale, è molto bravo nei cross, nel prendere le decisioni corrette. Deve migliorare nella fase difensiva, anche perchè il calcio italiano è diverso da quello americano.

Pensa che questi miglioramenti che deve fare siano più mentali?
Si. E’ un atleta talmente straordinario che non va in difficoltà nell’uno contro uno, può ripercorrere l’esperienza di McKennie nella Juventus, avere quel tipo di crescita che sta avendo il bianconero.

A chi può somigliare Reynolds?
Per quelle caratteristiche che ha Bryan, può ricordare due giocatori: uno sicuramente è Alphonso Davies, l’altro lo conoscete molto bene, Cafu. Ho fatto due nomi importanti, ma sono convinto che possa avere una grande carriera.

 

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News