Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Calciomercato

André Zanotta (DS Dallas): “La verità su Reynolds, nessuna garanzia per la Juve”

Il direttore sportivo del Dallas svela i retroscena della trattativa per Bryan Reynolds

In esclusiva a tuttojuve.com ha parlato André Zanotta, DS del Dallas, svelando alcuni dettagli della trattativa che ha coinvolto Juventus e Roma per Reynolds. Ecco le sue parole:

Juventus, Roma, Brugge e forse anche altri club si sono interessati a Bryan Reynolds. Ci può svelare i retroscena della trattativa?

“La trattativa per il suo trasferimento è stata da montagne russe. Siamo stati contattati da molti club europei e quasi tutti i migliori club italiani. La Roma è stata la prima a fare un’offerta formale, ma dopo pochi giorni le conversazioni con loro si sono raffreddate. Esattamente in questo momento si sono avvicinate Brugge e Juventus con le loro proposte, entrambe hanno avuto la possibilità di finalizzare l’accordo ma non è successo per motivi diversi”.

E alla fine l’ha spuntata proprio la Roma.

“Esatto! Nel momento in cui Tiago Pinto ha iniziato a lavorare per la Roma, la trattativa si è fatta più intensa e il giocatore ci ha detto che aveva voglia di andarci. C’è anche un ottimo rapporto tra i proprietari giallorossi e quelli del Dallas, questo ha sicuramente aiutato in fase di trattativa. Siamo molto felici di aver ceduto un nostro talento ad un club così storico e orgogliosi di vedere un altro dei nostri giocatori nostrani giocare in Serie A”.

Dunque che cosa è mancato ai bianconeri per chiudere l’affare Reynolds?

“Il problema principale con la Juventus era che il giocatore non poteva firmare immediatamente per loro, a causa del tesseramento degli extracomunitari molto limitati. Quindi il piano era che lui inizialmente andasse al Benevento e poi potesse firmare con i bianconeri, anche se non c’era alcuna garanzia per questo. Da parte nostra, l’offerta dell’AS Roma è stata migliore in tutti i termini”.

A suo parere, Reynolds farà bene in Italia?

“Sono convinto che Bryan farà bene in Italia. Ha la mentalità giusta, è molto concentrato e desideroso di continuare a migliorare per diventare un giocatore ancora più bravo. È un giocatore che ama il calcio e si diverte a giocare. La Roma ha fatto un grande acquisto”.

Che ricordo ha lasciato, invece, Wes McKennie a Dallas?

“Non lavoravo per il Dallas quando Weston era qui, ma ho sempre sentito parlare bene di lui. Un giocatore ambizioso e di grande talento che ha sempre cercato di dare il meglio in allenamento e continuare a svilupparsi per raggiungere i suoi obiettivi di carriera.Credo che lui abbia tutti gli strumenti per diventare uno dei migliori centrocampisti in Italia. Oltre alle sue capacità tecniche e tattiche, è un giocatore molto intelligente con una forte mentalità per essere al livello di tutti i grandi giocatori nella sua posizione”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato