Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca deve rispolverare Fazio

L’argentino tornerà utile a Benevento

Una difesa tutta da inventare. Dopo aver vinto l’andata dei sedicesimi di Europa League contro lo Sporting Braga, la Roma è attesa dalla trasferta contro il Benevento. Fonseca non ha alcuna intenzione di stravolgere il modulo tattico in virtù delle assenze nel reparto arretrato e conferma il consueto 3-4-2-1.

Agli infortuni di Smalling e Kumbulla, sicuramente assenti, si sono aggiunti i problemi di Cristante e Ibanez, costretti a lasciare in anticipo il campo nella gara in Portogallo rispettivamente per una forte lombalgia e per un affaticamento muscolare al flessore della coscia destra. Per il friulano verrà fatto un tentativo in extremis, ma le chance di recuperarlo sono ridotte al lumicino.

Attualmente l’unico superstite della difesa titolare è Mancini, che sarà probabilmente affiancato da Fazio e Spinazzola (Feratovic e Tripi sperano nella chiamata). L’argentino è in netto vantaggio su Juan Jesuse già nella sfida con l’Udinese era stato mandato a riscaldarsi quando Ibanez aveva dovuto richiedere il soccorso dei sanitari. Quella sostituzione non si è poi realizzata, ma ora per l’ex Siviglia ci sarà l’occasione di esordire in campionato: non è mai sceso sul terreno di gioco in Serie A in questa stagione. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa