Resta in contatto

Rassegna Stampa

Perchè Josè deve stupirci

Mourinho Roma Napoli

Lo Special One sotto accusa per le scelte sugli “epurati”

Josè Mourinho sta facendo un grande torto alla sua notevole intelligenza. Lui lo sa, ma qualcosa gli impedisce di riconoscerlo. Sto parlando della storiaccia dei quattro ragazzi bannati alias dannati dopo la notte horror al circolo polare artico.  Lasciamo stare l’aspetto umano anche se, ovvio, Villare compagni non meritavano questo. La storia dei grandi condottieri è costellata di atti “crudeli”, non sempre necessari. Chirurgia della resezione quando non è possibile quella degli aggiustamenti. Ma calciatori come Villar e Borja Mayoral, lo stesso Diawara, hanno un passato nella Roma, una storia breve ma già densa di belle cose, dedizione e testimonianze. Non vengono dal nulla, non si possono cancellare così, con un gesto di magia nera. Lasciamo stare la storia del Bodo. Non regge.

Mourinho non può ripetere che «siamo tutti colpevoli, io per primo» e poi schiaffare nel sottoscala della tribuna i quattro, cinque forse meno colpevoli di tutti, che non giocano mai e, quando giocano, lo fanno in un tempo da foche. Sottovaluta un fatto: i calciatori si schierano con l’allenatore ma tendono a solidarizzare con i loro simili, i compagni. Non sono così sicuro che “il destino” di Villar e compagni li lasci indifferenti. Mou è un grande, la sua storia è grande, ma c’è ancora una pagliuzza grossa come una trave nel suo occhio lungimirante: l’ego maniaco del leader a vocazione autoritaria. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

11 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

11 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa