Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 17 novembre 1996: Di Biagio e Balbo stendono il Cagliari

Gli uomini di Carlos Bianchi ottengono la vittoria casalinga contro i Sardi. Apre le marcature Di Biagio, poi la doppietta dell’argentino chiude il match

Il 17 novembre del 1996 la Roma vinceva per 3-1 la sfida interna contro il Cagliari di Mazzone. La classifica cortissima, che vede 14 squadre in 7 punti, può facilitare le possibilità dei giallorossi di avvicinarsi al vertice, ma i sardi sono già in piena lotta retrocessione, ed hanno disperato bisogno di punti. L’incontro è preceduto dalla standing ovation dell’Olimpico per Carlo Mazzone, di ritorno a Roma per la prima volta da avversario. La Roma parte forte, ma il Cagliari chiude tutti gli spazi possibili, costringendo i giallorossi a tentare per più volte il tiro dalla distanza: dopo diversi tentativi, al 32′ Di Biagio trova la porta dai 25 metri, infilando la rete del vantaggio giallorosso.

Il Cagliari non ci sta e prova a spingere per trovare il gol del possibile pareggio. Proprio nel miglior momento degli ospiti, arriva però il raddoppio della Roma: al 58′ Pascolo travolge Delvecchio in area concedendo il calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Balbo che insacca il momentaneo 2-0. I sardi si scuotono e al 71′ il neo entrato Banchelli accorcia le distanze, mettendo in apprensione la Roma. Ci pensa però nuovamente l’argentino a chiudere i conti: su cross di Lanna, all’80’, Balbo si fa trovare completamente solo, infilando per la terza volta la porta rossoblu.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord