Resta in contatto

Rassegna Stampa

José ritrova la sua Africa e vince contro tutto e tutti

Lo Special One e l’intuizione felice di lanciare Felix

È autunno Felix per José Mourinho, era ora, le cose a volte acquistano un senso all’improvviso, soprattutto se a indirizzarle c’è uno pratico, anzi uno Special, con la sua Africa. Autunno grigio invece per Napoli e Milan che scivolano per la prima volta. Le capolista insieme stavano, e stanno, e insieme cadono.

Cadono in piedi, dicono i giochisti, abbagliati dalle occasioni fallite; ma imbarcano pure un sacco di gol, che non è mai segno di gran salute generale. Scherzi del dopo-pausa, e di un campionato ricco di incertezza, frutto di debolezze sparse. La classifica si accorcia, ne approfittano tutti per avvicinarsi tranne la Lazio, di nuovo loffia e sorpassata dalla Roma.

Mourinho ha affrontato da califfo della panchina il micidiale combinato disposto di infortuni, attaccanti fuori fase, malumori interni e arbitri di petulante severità, ha ingoiato fango e commentini sarcastici su carrelli e bolliti, ha annaspato nell’emergenza assoluta con il forfait del positivo Cristante e l’esigenza di punire Zaniolo per insubordinazione (sarebbe ora diventasse una vera risorsa e non una grana, il ragazzo).

Ne ha cavato fuori un Mkhitaryan splendido interno di metà campo e rifinitore, ha atteso invano Abraham, ha chiesto e ottenuto aiuto dalla sua cara vecchia Africa, che ama e da cui è riamato, sotto forma di un ragazzino ghanese che si chiama come suo padre, Felix Mourinho. E tutto assume un senso compiuto. Ora la Roma può lanciarsi, perché è viva, eccome se lo è. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa