Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Vittorie e sconfitte in un campionato pazzo, ma Special è One

Critiche e analisi ma è sempre Mourinho

È un campionato scriteriato, senza un filo logico. Il bene e il male, il pro e il contro, il bianco e il nero si alternano con una puntualità ai limiti della perfezione, generando così un panorama indefinito. Un campionato pazzo, né bello né brutto. Pazzo. E all’interno di questa follia, la Roma ci si trova a meraviglia. Imperfetta come poche, ci sguazza. Un giorno tosta, un altro molle. Una volta serena e un’altra cupa. Una Roma indefinibile, a tratti. Perché non è ancora chiaro, ad esempio, se sia una squadra modesta che sta facendo benino oppure una squadra forte che sta facendo maluccio. Il confine tra qui e là lo segnano i risultati. I numeri.

Anche se quando c’è di mezzo Mourinho spesso e volentieri i commenti non sono in linea con i numeri. Forse perché José è più vistoso della Roma, forse perché lo Special è One e, quindi, va trattato da primo. Forse perché Mou logora chi non ce l’ha. Dopo tredici giornate di un campionato anomalo, la Roma si è sistemata al quinto posto della classifica nonostante cinque sconfitte sul groppone.

Cinque stop pesanti, la somma dei ko subìti delle prime quattro della classe. Il gruppo di Mou, però, non conosce mezzi termini: o perde o vince, non pareggia (quasi) mai. Se la gioca sempre, vada come vada. Per dirne una: ha perso più di Juventus e Lazio (5 contro 4), ma ha vinto più di entrambe (7 contro 6). Questo rendimento bislacco l’ha condotta a tre punti dalla zona Champions, con Mou davanti a Sarri e Allegri. Eppure tutto ciò, analizzando le critiche e i commenti al campionato, si percepisce a fatica. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa