Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

I granata i più battuti dai giallorossi (73 volte)

La statistica premia i giallorossi

L’ultimo confronto diretto è andato male: 3-1 per il Torino, il 18 aprile scorso, nonostante il gol-lampo di Borja Mayoral. Ma i granata sono la vittima preferita della Roma, che li ha battuti 73 volte in 92 anni: a partire da un 6-1 in maglia verde del 9 giugno 1929, quando avevano il loro primo scudetto sul petto ed erano già sicuri di vincere il girone A, si presentarono allo Stadio Nazionale pieni di riserve e vennero travolti da una tripletta di Volk, una doppietta di Chini Ludueña (l’argentino laureato in legge) e un gol di Bernardini.

Il dettaglio dei successi giallorossi: 65 in serie A, da ricordare fra i tanti il 3-1 (Pruzzo–Falcao–Conti) con cui la Roma concluse nel 1983 un campionato già vinto alla penultima giornata; quella vittoria del 1929 in Divisione Nazionale; e 7 in Coppa Italia (escluse le due finali vinte ai rigori, nel 1980 e ‘81, che per le statistiche valgono una X). Il successo più eclatante è un 7-1 del 1933 a Testaccio, il bilancio complessivo comprende anche 48 pareggi e 57 sconfitte. Dietro il Toro, le avversarie più battute sono Fiorentina e Lazio (66 volte), Napoli (65) e Inter (60). Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa