Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Inter, Correa: “A Roma per vincere, sarà una bella sfida con Mourinho”

Le parole dell’attaccante nerazzurro

Joaquin Correa ha rilasciato un’intervista a Il Corriere dello Sport, in vista della sfida di domani tra Roma e Inter. Queste le sue parole:

Domani avrete di fronte la Roma. Che avversario si aspetta?
“Una squadra forte, che ha calciatori importanti. Batterla nnon sarà sempolice, ma resto convinto che con le nostre armi possiamo mettere in difficoltà i giallorossi. Bisognerà essere concentrati e giocare da Inter”.

Le piace Mourinho?
“L’ho sfidato negli ottavi di Champions quando ero al Siviglia e lui allo United: pareggiammo all’andata e vincemmo al ritorno, passando noi il turno. Spero domani finisca come quella notte all’Old Trafford… Mourinho è un grande tecnico e lo dimostrano i risultati della sua carriera. Tutti gli interisti hanno un ricordo eccezionale della sulla esperienza qui, ma il suo valore lo ha dimostrato anche prima e dopo. Sarà una bella sfida e vogliamo batterlo”.

Una Roma senza Pellegrini e Abraham fa meno paura?
“Sono due elementi importanti, ma loro di giocatori forti ne hanno tanti”.

A Roma per vincere e non accontentarsi del pari.
“Si, è questo il nostro obiettivo”.

A proposito di Lazio e della Roma, il derby più bello che ha giocato?
“Il primo da titolare, nel marzo 2019: ho fatto un assist, conquistato un rigore e abbiamo vinto 3-0. È stata una delle mie migliori prestazioni alla Lazio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario