Resta in contatto

Roma Primavera

Primavera, è dominio Roma: giallorossi già a +8 dalla seconda

Primavera Morichelli testata

I ragazzi di Trigoria stanno prendendo il largo in campionato e puntano la Final Eight

E dire che questo sembrava l’anno giusto per l’allontanamento di mister Alberto De Rossi. Il tecnico, al suo diciottesimo anno alla guida della Primavera, sta invece ponendo le basi per quella che sembra davvero una squadra in grado di dominare il campionato di categoria. I ragazzi di Trigoria sono già a +8 punti dal Napoli secondo in classifica dopo solo undici giornate.

Si sa, un ottimo settore giovanile deve avere come primo obiettivo quello di fornire calciatori alla prima squadra, ma questo gruppo sta riuscendo anche in questo. Bove, Felix, Tripi e Volpato hanno già sperimentato la gioia dell’esordio in maglia giallorossa. Josè Mourinho continua ad attingere al settore primavera per rinforzare il proprio gruppo. Senza contare che Calafiori e Darboe, ancora in età da primavera, ma già aggregati in pianta stabile alla prima squadra dalla scorsa stagione. L’interesse del tecnico portoghese è noto, con il mister che spesso ha assistito dal vivo alle partite in casa giocate a Trigoria o, come la scorsa domenica, allo Stadio Tre Fontane (QUI per sapere di più sulla giornata di Mourinho al Tre Fontane).

Nonostante queste “privazioni”, la squadra continua a volare. Felix era il capocannoniere della rosa, con 6 reti, ma è stato degnamente sostituito dallo svedese Voelkerling, già arrivato a 5 gol. Capitan Tripi continuerà invece a fare su e giù di categoria ancora per un po’. Il suo ruolo in primavera è il difensore centrale, posizione in cui per adesso è difficile trovare spazio tra i grandi. Non a caso nel ritiro portoghese il classe 2002 è stato provato da terzino. 

Tripi

La stellina della squadra è Cristian Volpato. L’italo-australiano  indossa la maglia numero dieci, che dalle parti di Trigoria ha sempre un sapore particolare. Il talento, voluto da Totti nella sua scuderia di management, ha trovato l’esordio con Mourinho nella brutta serata contro l’Inter. Il suo ingresso è stato una delle poche notizie positive della serata. Al Tre Fontane intanto l’ottimo trequartista continua a stupire i presenti per tecnica e personalità.

A centrocampo, la solida mediana composta da Tahirovic e Faticanti (ai più romantici la maglia numero 16 ricorderà qualcosa) protegge la porta del sempre vigile Mastrantonio e la difesa del consolidato trio Tripi – Keramitsis – Ndiaye. Il centrale è fresco di convocazione all’Olimpico, e la sua fisicità e grinta hanno già convinto Mourinho.

Un ottimo inizio, non c’è dubbio. Ora starà ai ragazzi e al mister continuare su questa strada, fino all’assalto alla Final Eight. I presupposti ci sono, ora serve confermarli. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera