Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Parisi (medico sportivo): “La dieta vegana non influisce sugli infortuni di Smalling”

Parla Attilio Parisi, Rettore dell’Università del Foro Italico e Consigliere Nazionale della Federazione Medico Sportiva Italiana

Attilio Parisi, medico sportivo, ha rilasciato qualche dichiarazione ai microfoni di Centro Suono Sport. Queste le sue parole sui giallorossi e la loro forma fisica:

La dieta vegana influisce negativamente sulle prestazioni degli atleti?

«Gli sportivi curano l’alimentazione in maniera scrupolosa. Anche un soggetto che segue una sita vegana non ha problemi. L’importante è che lo sportivo riesca ad acquisire sia da un punto di vista quantitativo e sia da quello qualitativo quelle che sono le necessità per il tipo di attività fisica che lui svolge. Gli atleti sono seguiti dai migliori professionisti del settore. Nel mondo del calcio non ci possono essere problematiche da questo punto di vista. Qualsiasi tipo di approccio alimentare che segua il fabbisogno necessario non può generare alcun tipo di problema».

Non esiste correlazione tra gli infortuni di Smalling e la dieta vegana?

«Non credo. Ritengo che Smalling segua una dieta che è legata alle sue caratteristiche anche se vegana. Il 3% degli atleti ad alto livello seguono una dieta come quella del centrale inglese».

Per un soggetto diabetico come Mayoral come si gestisce l’alimentazione?

«E’ una situazione che va concordata con il medico che lo segue. Il rischio più grande è l’ipoglicemia perché spesso alcuni trascurano che l’attività fisica porti ad un abbassamento dei valori glicemici. Se aggiungiamo l’azione dell’insulina il problema è di andare incontro ad un crisi glicemica. Questo non avviene perché lo spagnolo è perfettamente seguito e riesce a trovare il giusto equilibrio. La prestazione del soggetto diabetico può essere di altissimo livello. Basta pensare a Steven Redgrave nel canottaggio».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News