Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Capolavoro Roma: i giallorossi vincono 4-1 a Bergamo e si rilanciano al quinto posto

Una Roma da sogno

Capolavoro Roma. A Bergamo la squadra di Mourinho gioca la miglior partita della stagione, vince finalmente contro una big e dimostra di esser pronta per fare il salto di qualità. Lo Special One aveva detto di volere tre punti per questa trasferta che alla vigilia sembrava proibitiva e il gruppo lo ha seguito con qualità, ma soprattutto con il cuore.

Perché quella di ieri è stata la prima vittoria da squadra vera della Roma in questa stagione, in uno stadio che l’aveva vista già altre volte passare in vantaggio ma dal quale era uscita fin troppo spesso battuta. Ieri invece ha dimostrato di poter dire la sua se ha la rosa al completo o quasi (pesante ancora l’assenza di Pellegrini) anche magari rischiando di spremere gli uomini migliori: sempre gli stessi.

Apre e chiude Abraham tra i migliori dei suoi, che realizza una doppietta spettacolare all’interno del quale c’è anche il primo gol stagionale di Zaniolo (tornato a segnare dopo 512 giorni, un infortunio clamoroso e tutto il resto) e la zampata famelica di Smalling di nuovo padrone assoluto della difesa giallorossa. E proprio questa una delle note migliori perché quando l’Atalanta è cresciuta, la Roma ha stretto i denti riuscendo a controbattere colpo su colpo senza mai andare in affanno. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa