Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Infantino: “Titolare a Paolo Rossi lo Stadio Olimpico va fatto in fretta”

Il presiedente della FIFA: “Tutti gli italiani devono sostenere quest’idea e questo progetto”

Ospite di Radio Anch’io Sport, il presidente della FIFA, Gianni Infantino, ha trattato il tema legato alla futura e possibile nomina dello Stadio Olimpico di Roma a Paolo Rossi. Una proposta che però ha fatto storgere il naso a qualche tifoso di entrambe le squadre della Capitale. Ecco le parole di Infantino in merito.

Non esiste essere contrari a Paolo Rossi. Tutti gli italiani devono sostenere quest’idea e questo progetto di titolare lo Stadio Olimpico a Paolo Rossi. Nessuno come Pablito ha veramente avuto un impatto positivo su tutta una generazione di italiani in Italia e all’estero. Con la sua semplicità ha dimostrato che l’impossibile può diventare possibile: io nel mondiale dell’82 avevo dodici anni ma me lo ricordo benissimo e posso dire che dopo quel mondiale la gente ha iniziato a guardare tutti gli italiani all’estero, di cui facevo parte, in un modo diverso. Questo spiritio di rivincita, la rivalsa e il successo, pur essendo normali e col sorriso, ha fatto sì che per tutta una generazione ci sia stato un impatto incredibile. Quindi per me, intitolare a Paolo Rossi lo stadio principale d’Italia, lo Stadio Olimpico di Roma, è qualcosa che va fatto in fretta. Mi complimento con il Parlamento, con il Governo e con chiunque debba farlo. Credo sia importantissimo che i giovani ricordino Paolo Rossi e sapere la sua storia e cosa ha fatto per noi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News