Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Se Surricchio è la promessa per il futuro

Colpo in prospettiva a Trigoria

Non ci sono solo Maitland–Niles e Sergio Oliveira nei pensieri della squadra mercato della Roma. In alcuni casi si punta all’esperienza e alla personalità di giocatori pronti, in altre occasioni si lavora in prospettiva, cercando di anticipare gli altri club e provando a scovare il talento in grado di spostare in futuro gli equilibri. È quello che la Roma si augura di aver fatto, nelle ore in cui è in via di definizione con il Teramo il passaggio in prestito oneroso (con diritto di riscatto) di Jacopo Surricchio, talentuoso regista classe 2006.

Nato a Sambuceto, una frazione del comune di San Giovanni Teatino, in provincia di Chieti, cresce nel vivaio del club abruzzese che lo ha formato, gioca da tempo in pianta stabile in Primavera e ha già avuto modo di collezionato due presenze in Serie C con la formazione di mister Guidi, nelle sfide con Cesena e Pontedera.

Ma per lui è il momento di giocare, di vedere il campo con continuità e con i suoi pari età: questa l’idea del suo agente Di Renzo, che insieme al ragazzo ha valutato con attenzione le proposte arrivate da Sassuolo e Roma, per poi abbracciare il progetto giallorosso.

Nei prossimi giorni sono previste le visite mediche e la firma sul contratto, poi l’inizio dell’avventura a Trigoria. Si tratta di un profilo decisamente importante che andrà a rinforzare, sulla carta, il centrocampo dell’U16 guidata dal tecnico Gianluca Falsini, ma Alberto De Rossi monitorerà il ragazzo con grande attenzione. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa