Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Roma-Lecce 3-1: Abraham boom, riecco Shomurodov

La Roma vince e accede ai quarti di finale di Coppa Italia

RUI PATRICIO  6-

Può e deve far meglio sul colpo di testa vincente di Calabresi. Inoperoso per il resto della gara.

KARSDORP 6

Primo tempo in leggera sofferenza con Di Mariano, nel secondo lo si vede solo in fase offensiva.

KUMBULLA 7

Mourinho lo aveva elogiato al termine della sfida con il Cagliari. Lui si conferma in un momento positivo e sigla il gol del momentaneo pareggio.

IBANEZ 6

Solita gara generosa del brasiliano.

MAITLAND-NILES  6

Terza gara consecutiva per l’inglese, 45 minuti di gioco dove viene schierato da terzino sinistro.

SERGIO OLIVEIRA  6

Posizione leggermente diversa rispetto all’esordio con il Cagliari, la qualità invece rimane la stessa.

CRISTANTE  6-

Non brillante come approccio nel primo tempo, nella ripresa sale di livello.

VERETOUT  5

Che fine abbia fatto quell’implacabile centrocampista con il vizio del gol rimane un mistero. Gioca 45 minuti a ritmi blandi e si divora un’occasione da gol.

CARLES PEREZ 5

Si fa notare solo per un paio di iniziative (potenziale assist per Veretout) ma troppo poco. Anche per Mourinho, che lo sostituisce.

ABRAHAM  7,5

Unico nel primo tempo a correre dietro al pallone come un tarantolato. Sponda di testa per il gol di Kumbulla, sfonda la porta con un destro ad incrociare per il 2-1.

FELIX 5,5

Corsa e generosità, ma qualità nella scelta finale ancora poca, anche stasera.

MKHITARYAN  6,5

Buono l’impatto dell’armeno nella ripresa, anche se si divora a porta vuota un gol già fatto. Ma l’assist di esterno per Shomurodov merita.

VINA 6

Entra nel secondo tempo per far rifiatare Maitland-Niles.

Zaniolo

ZANIOLO 7,5

Entra col piglio giusto, di chi vuole vincere la partita. Un palo, un assist per Abraham, un altro a botta sicura per Mkhitaryan e si prende il fallo che fa rimanere il Lecce in 10. Non segna, ma determinante.

SHOMURODOV 6,5

Finalmente si rivede l’uzbeko. Lanciato da Mkhitaryan, l’ex Genoa rientra sul destro e fulmina Gabriel.

ZALEWSKI  SV

Pochi minuti finali a disposizione, vetrina sempre preziosa per il giovane attaccante.

MOURINHO  6,5

Il primo tempo non promette nulla di buono. Se ne accorge, fa tre cambi e stravolge il volto della Roma. Missione compiuta, ora l’Inter ai quarti di finale.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma