Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Casini presidente senza le grandi: è la vittoria di Lotito e De Laurentiis

Sponsor Lazio

Lorenzo Casini è il nuovo presidente della Lega di Serie A

Un minuto dopo l’elezione di Lorenzo Casini a presidente della Lega Serie A, già si raccontava che qualcuno avesse tradito. Quando il vice presidente Luca Percassi ha letto per l’undicesima volta il nome del capo di gabinetto del ministero della Cultura, professore di diritto amministrativo, 46enne e braccio destro di Dario Franceschini, ha sancito due verità assolute. L’ennesimo trionfo di Claudio Lotito e la sconfitta di Gabriele Gravina, il presidente della Federcalcio che del numero uno laziale è ormai l’arcinemico. Cosa succede ora? Semplice: si rafforza l’asse Lotito-De Laurentiis. Che dopo aver traghettato il passaggio dei diritti tv da Sky alla più favorevole (a loro) Dazn, e aver difeso in autunno l’ad della Lega De Siervo dalla fronda di alcune società, ha piazzato un altro smash vincente. Lotito conta così di “orientare” due voti su tre della Serie A in Consiglio federale, un margine che lo rassicura.

Certo è singolare che la Serie A abbia scelto un presidente che non hanno votato né appoggiato Juventus, Milan, Inter, Roma, ossia quattro delle sette società italiane nelle coppe europee. Anche per questo ieri il fronte lotitiano ha provato a suggerire che l’undicesimo voto sia arrivato dalla Juve: ricostruzione che non trova conferme. Ma gli undici voti per Casini dicono che il fronte contrario non era poi così compatto: c’è persino chi, per sviare i sospetti, ha fotografato la propria scheda bianca. A rompere l’asse, la Salernitana di Iervolino. Ma non solo. A decidere la corsa è stata soprattutto l’assenza dell’altro candidato, Andrea Abodi, per 7 anni presidente della Lega Serie B, uomo di sport e di istituzioni, un nome che piaceva, tanto, a molti. Anche a Gravina. Lo sostenevano soprattutto Inter e Milan.

Il “padrino” di Lorenzo Casini in Lega è Aurelio De Laurentiis, che lo ha presentato a Lotito, il quale ha deciso di farlo proprio. Il triumvirato di sostenitori s’è completato con Joe Barone, che da quando Lotito diede un contratto nella Salernitana al figlio (ex) calciatore, a lui s’è legato indissolubilmente, e ormai a ogni assemblea inaugura una lite con l’interista Marotta (ieri sono volate anche minacce di cause per diffamazione). Nonostante portatori così ingombranti, Casini non dispiace a molti: per la sua preparazione, per il curriculum nonostante l’età, per il modo di porsi. Di certo la sua elezione indebolisce soprattutto Gravina a poche settimane dal varco a cui lo aspettano i suoi nemici: lo spareggio per i Mondiali che vede l’Italia impegnata in due partite, per trovare un posto in Qatar. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa