Resta in contatto

Rassegna Stampa

Ranieri, il baronetto tra cuore e storia: ama Leicester, tiferà per Mourinho

Ranieri Watford

Sir Claudio da Testaccio: un titolo storico col Leicester, ma il cuore resta giallorosso

Roma-Leicester è la partita di Claudio Ranieri, la partita di una vita e di un successo planetario che sbalordì il mondo. È il cuore e la professione. È il sentimento e la ragione. Roma e la Roma marciano insieme nella biografia dell’allenatore di San Saba, 70 anni e mezzo secolo di calcio da professionista. Il Leicester è stato l’attimo fuggente, capitato quasi per sbaglio, ma poi afferrato con mano sicura, fino a realizzare un’impresa leggendaria, il titolo inglese vinto da una provinciale delle Midlands, mettendo in riga tutti gli squadroni della Premier.

La Roma è una compagna di vita e se uno chiedesse a Ranieri quale sia il suo umore in questa doppia sfida della semifinale di Conference League, risponderà: «Io tifo Roma». Due esperienze in panchina e uno scudetto sfiorato nel 2010, dopo una splendida rimonta, franata in una sconfitta all’Olimpico contro la Sampdoria. Quella Roma, ereditata da Spalletti, finì seconda dietro all’Inter del Treble, giustiziera dei giallorossi anche nella finale di Coppa Italia. Ranieri vide dissolversi il sogno di una vita sul più bello, dopo aver battuto l’Inter all’Olimpico grazie a un gol di Luca Toni.

Sei anni dopo quell’enorme delusione e il malinconico addio nella primavera 2011, Ranieri trionfò in Inghilterra con il Leicester. Si tolse la soddisfazione di andare a vincere 3-1 in casa del Manchester City e di superare in casa 2-0 il Liverpool con una straordinaria doppietta di Jamie Vardy, di battere 2-1 i campioni in carica del Chelsea guidati da José Mourinho esonerato dopo il ko con le Foxes e di sbancare 1-0 il campo del Tottenham con una capocciata del tedesco Huth, fino alla conquista matematica del titolo, il 2 maggio, con l’apoteosi della festa sabato 7, con Bocelli sul prato del King Power a cantare Nessun dorma, di fronte a un migliaio di tifosi provenienti da tutti gli angoli d’Italia. Ranieri lasciò il Leicester nel febbraio 2017, esonerato tra le polemiche e l’ombra di una rivolta di una parte dello spogliatoio contro di lui. Nel 2019, fu chiamato al capezzale di una Roma in crisi: non andò benissimo, ma le lacrime di Claudio sotto la pioggia, acclamato dai tifosi giallorossi, sono scolpite nei ricordi. Il Leicester è oggi nelle mani dell’allenatore nordirlandese Brendan Rodgers, un altro dei coach cresciuti sotto l’ala di José Mourinho. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa