Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolissimo, il predestinato adesso vale oro. Il dubbio Roma: super rinnovo o fare cassa?

Nicolò Zaniolo ha vissuto una serata meravigliosa in Conference League, ora il dubbio della Roma: rinnovo o cassa?

Che il tempo sia un’astrazione, lo si capisce anche dalla parabola di Nicolò Zaniolo. Dopo il doppio infortunio alle ginocchia che gli ha fatto perdere quasi un anno e mezzo di carriera, il vero ritorno sulla scena calcistica non è stato ad agosto scorso contro il Trazbonspor, bensì due giorni fa col Bodo.

Intendiamoci, in questi mesi l’attaccante della Roma ha giocato diverse buone partite e realizzato anche dei bei gol, ma la tripletta contro i norvegesi – che è valsa la qualificazione alle semifinali di Conference League– è sembrata l’epifania di un campione ritrovato. In una partita europea da “dentro o fuori” Nicolò è stato capace di mostrare gran parte del suo repertorio da vetrina: scatto, potenza, tocco, fiuto del gol. Come sempre accade, adesso ci sarà anche la caccia a prendersi i meriti. La rinascita è figlia dello scrostarsi della ruggine dovuta al lungo stop?

Al “bastone” di Mourinho che lo ha tenuto fuori in un paio di match a cui teneva tanto (Spezia e Lazio)? Alla pazienza di Nicolò nel sopportare la sorte avversa senza polemiche? Alla capacità di adattamento in sistemi di gioco che non sente suoi fino in fondo? Diffidate di chi sa tutto e vuole spiegarlo. Meriti e colpe, come sempre, sono da condividere. Ma ciò che conta è che Zaniolo sia tornato. E a 22 anni ha un futuro ancora tutto da scrivere. Una premessa: nella storia che si dovrà scrivere non ci saranno buoni o cattivi, solo persone che si muovono in base a delle convenienze contingenti. I fatti. Zaniolo è stato acquistato dall’Inter per 4.5 milioni, più il 15% sulla rivendita.

Con i parametri Uefa che stanno per scattare, è inutile nascondere che una eventuale cessione dell’attaccante rappresenterebbe una ottima plusvalenza per la Roma. Con grande onestà, sia Pinto che il giocatore hanno detto che la permanenza non è certa. Ma Nicolò a Roma sta benissimo e resterebbe volentieri, a patto di sentirsi al centro del progetto. Il che significa avere un rinnovo di contratto sulle cifre di Pellegrini (circa 6 milioni con i bonus). Al momento infatti, guadagnando più o meno 2,2 milioni (coi premi), sono quasi una decina i giallorossi che percepiscono più di lui.

Visto che i Friedkin hanno deciso di rinviare a fine stagione il discorso contratti, per il momento è più facile ascoltare le sirene di mercato. In prima fila c’è la Juve, che lo ha sondato da tempo ma – senza neppure contare le società estere – occhio ai colpi di scena, visto che Zaniolo piace anche al Milan. Il discrimine sarà dato dalle richieste. Se si attesteranno intorno ai 50-60 milioni, i rossoneri (che non possono superare i 40) potrebbero tirarsi fuori, a meno che non arrivi il cambio di proprietà. Morale: la prima parola è ai Friedkin, che decideranno l’offerta d’ingaggio. Poi parlerà il mercato. tenendo conto più la scadenza del contratto si avvicina (ora è al 2024), più il valore calerà.

La Gazzetta dello Sport 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa