Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, corsa Champions: Mou fa il pompiere, ma i tifosi sognano sui social

Domani i giallorossi saranno a Napoli, vincendo andrebbero a -3 dalla Juve. Il tecnico parla di 5° posto come obiettivo massimo, ma la gente ci crede nonostante un calendario complicato

I tifosi credono ancora al quarto posto, basta dare uno sguardo ai social. E il pareggio della Juventus contro il Bologna ha alimentato queste speranze. Mourinho, almeno a parole, non pensa alla rincorsa Champions, parlando di quinto posto come obiettivo massimo. Tuttavia, la sensazione è che nei prossimi dieci giorni la Roma si giocherà qualcosa in più della semifinale di andata di Conference League.

Tre trasferte da vivere tutte d’un fiato. Domani la Roma giocherà a Napoli, sabato prossimo in casa dell’Inter, giovedì 28 a Leicester: un calendario così difficile e compresso, che lascia supporre che la Champions sia ormai compromessa.

Un anno fa la Roma giocava la semifinale di Europa League contro il Manchester United, ma aveva completamente abbandonato il campionato ed era una squadra con molti infortunati, con un allenatore, Fonseca, distante anni luce da Trigoria. Adesso, invece, giocatori e ambiente sono compatti intorno a Mourinho; e allora si legge: “quando c’è di mezzo lui – il pensiero di tanti romanisti – niente è impossibile”; oppure: “bisogna fare meno turnover possibile per giocarsele al massimo”; o ancora: “non togliere più Zaniolo, non possiamo farne a meno”. C’è anche chi si augura “che la Roma trovi la forza di vincere sempre nonostante servirebbe, in questo momento, lo stadio di casa”.

Dice un romanista su Twitter: “Il fatto che abbiano paura è la vittoria di Mourinho. E va bene così”. C’è chi se la prende preventivamente con gli arbitri: “Vedrete, non ci faranno arrivare quarti”, chi del calendario “ricordatevi che dobbiamo anche andare a Firenze” e chi, guardando il calendario, trova uno Juventus-Lazio alla penultima: “E quelli per la Juve, vedrete, saranno tre punti facili”. Il derby, si sa, non finisce proprio mai.

Lo scrive Chiara Zucchelli su Gazzetta.it

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa