Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Testa a Leicester

I giallorossi con la testa a Leicester

Con la testa a Leicester. Si ferma dopo dodici risultati utili consecutivi la corsa della Roma in campionato e la Conference League rimane, a maggior ragione dopo ieri, l’occasione di trasformare questa stagione da una semplice transizione a qualcosa di memorabile.

A San Siro pesano di più le motivazioni e la forza dell’Inter, che vince il terzo confronto su tre contro Mourinho e mette un altro mattoncino per il secondo scudetto consecutivo. Finisce 3-1 una partita che, come i precedenti due confronti stagionali tra nerazzurri e giallorossi, si è sostanzialmente chiusa all’intervallo.

La Roma continua a pagare il divario dalle più forti, il dato degli scontri diretti contro le prime quattro è emblematico: conquistati appena 2 punti (entrambi col Napoli) su 24 disponibili. E nei match contro l’Inter il risultato complessivo è di 8 a 1 per la squadra di Inzaghi. I progressi giallorossi ci sono ma non bastano, i pensieri di molti sembravano già proiettati alla trasferta di coppa giovedì in Inghilterra.

Lo Special One dovrà aspettare l’anno prossimo per provare a battere l’Inter, ora c’è da inseguire una Conference League, che sarebbe il primo trofeo europeo vinto da una squadra italiana dopo la “sua” Champions nerazzurra del 2010. Quella che gli fa raccogliere ancora applausi a Milano a dodici anni di distanza. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa