Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Abraham contro il tabù Leicester. L’Arsenal lo rivuole in Premier

L’Arsenal mette gli occhi su Abraham

Strano il destino di Tammy Abraham, che in estate ha deciso di accettare la sfida più difficile della sua carriera: un inglese che molla la Premier non è mai visto di buon occhio, anche se la corte spietata di José Mourinho ha facilitato le cose. Giovedì la possibilità di convincere anche gli ultimi scettici in Inghilterra con il viaggio che lo riporta a casa. 102 miglia separano Leicester da Londra, dove è nato e cresciuto.

Abraham ha fatto questo tragitto quattro volte in carriera: tre gare di Premier e una di FA Cup, con quest’ultima che rappresenta l’unica vittoria del bomber inglese contro il Leicester. Tammy non ha ancora segnato un gol alle Foxes e questo è l’obiettivo della trasferta di giovedì, infrangere il tabù che lo lega al Leicester, per mantenere il titolo di capocannoniere della Conference e per mandare in visibilio i 1600 tifosi della Roma che seguiranno la squadra in Inghilterra.

Se l’Arsenal riuscirà a tornare in Champions League puntano due nomi per l’attacco, quello di Gabriel Jesus e quello di Tammy Abraham. Il tentativo fatto a gennaio dalla dirigenza dell’Arsenal non aveva registrato aperture da parte del numero 9 della Roma, ma in estate ci sarà un nuovo tentativo. Abraham rappresenta il presente e il futuro della Roma di José Mourinho e a meno di offerte irrinunciabili il tecnico portoghese continuerà a puntare forte sul bomber di Camberwell. Lo scrive “La Repubblica”.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa