Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Tiago Pinto: “Siamo qui per vincere e raggiungere la finale. C’è tensione ma ho fiducia”

Le parole del gm giallorosso prima del fischio d’inizio

Tiago Pinto ha parlato ai microfoni di Sky Sport nel prepartita di Leicester-Roma. Queste le sue parole:

Che bello stadio, che bella manifestazione, che bella Roma in Europa. Si sente la responsabilità e l’orgoglio di rappresentare il calcio italiano?
“Sappiamo che purtroppo siamo l’unica squadra squadra italiana nelle competizioni europee. È un orgoglio e una responsabilità in più, siamo qui per vincere e aggiungere la finale”.

È sempre complicato affrontare una squadra di Premier, cosa hanno in più i giocatori che arrivano dalla Premier?
“Penso che anche i giocatori inglesi hanno aperto la porta per andare via dalla Premier. Ci sono tanti club con vivai importanti, dove i giocatori che non hanno spazio vanno via come hanno fatto Tammy Abraham, Sancho e Tomori. Siamo stati fortunati con i giocatori presi dalla Premier, vediamo che faranno oggi”.

Ci racconta la sua vigilia? Ha delle scaramanzie?
“Ne ho tante (ride, ndr). Per me è sempre difficile, l’allenatore e i giocatori guidano la macchina e io sono seduto sulla panchina aggiuntiva, non posso fare niente. Sono sempre molto teso, ma oggi ho fiducia che possiamo portare a casa un buon risultato”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra