Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Dubbi sul gol vittoria di Acerbi, il difensore in fuorigioco: che errore del VAR! (FOTO)

Al 90′ Acerbi ha regalato 3 punti alla Lazio, ma il difensore è tenuto in gioco da un solo difensore ed è oltre il portiere: errore grossolano del VAR

La Lazio vince a La Spezia una partita rocambolesca: tre volte in vantaggio i bianconeri di Thiago Motta e tre volte la squadra di Sarri ha trovato il pareggio, fino al gol di Acerbi al 90′ che fissa il punteggio sul 4-3. Ma non mancano le polemiche sulla rete del difensore biancoceleste, che sembra essere in evidente fuorigioco!

Come dimostra questa immagine, Acerbi è tenuto in gioco da Reca (maglia numero 13), ma essendo dietro il portiere servono due difendenti per tenere in gioco l’autore del gol. E sembra proprio il difensore biancoceleste sia avanti a Nikolaou (maglia numero 45) e perciò in posizione irregolare. Non sono state trasmesse immagini con le linee tracciate dalla sala VAR, ma la convalida quasi immediata del gol lascia pensare ad un controllo rapido e relativo soltanto ad un difendente, ignorando perciò la regola.

Questo fermo immagine dal retro della porta sembra evidenziare in maniera ancora più netta la posizione di offside di Acerbi, posizionato soltanto dietro a Reca, ma avanti al portiere e a Nikolau.

Inoltre, c’è un precedente in Inghilterra, nella semifinale di Carabao Cup tra Tottenham e Chelsea del 12 gennaio 2022. Quando grazie all’intervento del VAR, e alla mossa lucida e furba del portiere dei Blues Kepa, Harry Kane è stato lasciato in fuorigioco poiché tenuto in gioco da un solo difendente e dietro il portiere: intervento del VAR  e gol annullato agli Spurs.

203 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

203 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News