Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Tempestilli: “La gente ha trascinato la squadra verso il successo. Finale meritata”

Tonino Tempestilli, ex difensore della Roma, ha rilasciato un’intervista all’agenzia Adnkronos, commentando il match di ieri sera tra i giallorossi ed il Leicester. Ecco le sue parole:

“Ho vissuto intensamente la partita come penso tutti i tifosi romanisti. Credo sia stata una meraviglia essere allo stadio, straordinario, e la gente ha trascinato la squadra verso questo successo. É stato veramente uno spettacolo unico”.

Il ricordo dell’ultima finale europea…

“Purtroppo siamo abituati a vivere queste partite dopo tanto tempo, ci auguriamo in futuro di viverle in un tempo minore. L’augurio è quello di non rivivere quello che abbiamo vissuto noi, che siamo arrivati in fondo e poi l’abbiamo persa. Quello che mi lascia speranzoso è che questa finale si giocherà fuori, a Tirana, e non all’Olimpico. Perché purtroppo le due finali giocate sono state perse entrambe sotto gli occhi dei nostri tifosi, l’augurio è quindi di poter vincere questa Coppa, che è importante per dare lustro a questa società e a questa squadra, e costruire un futuro sempre migliore. L’unico dispiacere è che si giocherà in uno stadio piccolo e tanti tifosi che avrebbero avuto il piacere di andarla a vedere non ci riusciranno, visto che i posti sono limitati”.

L’importanza di Mourinho

“Serviva Mourinho per far tornare la Roma in una finale di Coppa? Sicuramente è stata una componente importate, ha dimostrato di essere l’allenatore che si sapeva e che conoscevamo, poi durante il percorso serve anche un pizzico di fortuna per raggiungere certi traguardi. Al di là di questo, la Roma si è meritata questa finale, adesso speriamo di vincerla. Dovrà fare uno sforzo finale per poter chiudere al meglio una competizione bella e importante”.

La sua idea sul Feyenoord

“Feyenoord squadra temibile? Se è arrivata fino in fondo è sicuramente una squadra temibile, la dimostrazione che tutte le partite sono difficili lo ha dimostrato la sfida contro il Bodo, squadra che nessuno conosceva finché non l’abbiamo incontrata. Bisogna fare sempre attenzione, le partite vanno giocate sempre al massimo della concentrazione e dell’intensità.”

La stagione di Abraham e i paragoni con il passato

“A chi è paragonabile Abraham? Non saprei, non ho avuto modo di giocare con giocatori con queste caratteristiche. E’ un giocatore molto forte, giovane, che ha grandi qualità, dal colpo di testa alla tecnica, fa girare la squadra, è abbastanza completo e mi auguro possa rimanere a lungo in giallorosso e dare il contributo che sta dando”.

Il possibile anticipo di Torino-Roma

“Mi sembra doveroso da parte della Lega fare il possibile per andare incontro ad una squadra italiana, l’unica impegnata in una finale europea. Se possibile bisogna fare in modo che la Roma possa affrontare questa sfida con il Feyenoord nel migliore dei modi. Mi sembra talmente normale che non ci dovrebbero essere problemi a farlo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News