Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mkhitaryan e Spinazzola, operazione Tirana

L’armeno dovrebbe tornare a disposizione a ridosso della finale, Spina ha bisogno di minuti nelle gambe

I festeggiamenti per la finale conquistata sono andati in archivio, le lacrime asciugate e i sorrisi nuovamente trasformati in smorfie di cattiveria agonistica e concentrazione. La Roma si appresta a vivere i 18 giorni più intensi e significativi della sua recente storia. José Mourinho punta la sfida con la Fiorentina, ma rimane con la testa sempre rivolta a Tirana.

In vista della finale di Conference League, l’obiettivo dello Special One è quello di recuperare al meglio Henrikh Mkhitaryan e Leonardo Spinazzola. Il centrocampista armeno è stato uno dei protagonisti assoluti della stagione giallorossa: la lesione muscolare al flessore della coscia destra, rimediata con il Leicester, lo ha messo momentaneamente ko. Le tempistiche per il recupero consentono però di pensare alla sua presenza nella lista dei convocati per la finalissima: lui proverà il recupero per la sfida con il Torino.

Discorso diverso, ma non troppo, per Spinazzola. Il 10 aprile, in occasione della sfida con la Salernitana, l’esterno giallorosso ha fatto il suo rientro tra i convocati, ma finora nemmeno un minuto in campo. Lo Special One aveva deciso di farlo entrare nei minuti finali di Roma-Bologna, senza poi riuscirsi. Ora sono in programma tre gare in campionato dove rivedere il campo e mettere nelle gambe un minutaggio tale da poter rappresentare un’opzione reale a gara in corso per la finale. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa