Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Roma tra brividi e rimpianti: a Torino novanta minuti di fuoco

A Torino per vincere e assicurarsi l’Europa

Dal match point per l’Europa al rischio ottavo posto. Il punto ottenuto nelle due partite contro Fiorentina e Venezia ha improvvisamente capovolto il mondo romanista, con i giallorossi passati dalla possibilità di poter gestire l’ultima gara di campionato in trasferta contro il Torino, anticipata a venerdì prossimo per favorire la preparazione della finale di Conference League (mercoledì 25 maggio), alla necessità di vincerla per essere sicuri di giocare il prossimo anno in Europa a prescindere dal risultato di Tirana.

Tolte le prime quattro della graduatoria, oggi la classifica della serie A vede la Lazio al quinto posto con 62 punti, i giallorossi sesti a 60 davanti a Fiorentina e Atalanta a 59. La Lazio e la Fiorentina giocheranno stasera rispettivamente a Torino contro la Juventus e a Genova contro la Sampdoria. La sconfitta dell’Atalanta col Milan lascia ai giallorossi la certezza di entrare in Europa in caso di vittoria con il Torino, ma per sapere in quale competizione bisognerà aspettare i risultati di stasera e ovviamente quelli dell’ultima giornata, che vede in programma Atalanta-Empoli, Fiorentina-Juventus e Lazio Verona.

A Torino, insomma, Mourinho non potrà permettersi di fare troppo turnover se non vuole rischiare di rimanere fuori dalle coppe. In questi giorni Mou proverà a recuperare gli infortunati: contro il Venezia non c’erano Zaniolo, Felix e Mkhitaryan. L’obiettivo è avere i primi due per la gara col Torino, e l’armeno, considerato fondamentale da Mourinho, per la finale. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa