Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Immers (ex Feyenoord): “Finale da 50 e 50. Alla Roma toglierei Abraham”

Le parole dell’ex biancorosso in vista della finale di Conference League

L’ex giocatore del Feyenoord Lex Immers ha rilasciato un’intervista a Teleradiostereo in vista della finale di Conference League tra la Roma e il club olandese. Queste le sue dichiarazioni:

Lex, il Feyenoord ha chiuso il campionato con una sconfitta: come sta la tua ex squadra?
“Il Feyenoord ha perso l’ultima gara in casa contro il Twente ma credo che sia normale in vista della finale contro la Roma, la loro attenzione era già su questa gara. Il Feyenoord ha fatto una buona stagione, ha un ottimo tecnico, alcuni buoni giocatori. Sarà un match da 50 e 50 con la Roma in finale, sarà una grande partita”.

Malacia è il grande dubbio di formazione per la formazione di Rotterdam: quanto è importante la sua presenza per Slot?
“Malacia è un buon terzino, è giovane e ha un grande potenziale. È un giocatore importante per Slot e per la squadra. Penso che il Feyenoord abbia diversi buoni calciatori nella rosa al momento. È un buon mix tra giovani e esperti con ottimi attaccanti, centrocampisti, difensori e un buon portiere. Penso che sia una squadra completa, Malacia è un talento e potrebbe approdare anche in un grande club dopo questa stagione o, magari, restare ancora un anno al Feyenoord prima del trasferimento”.

Cosa dovrà temere la Roma del Feyenoord?
“Ho giocato lì per alcuni anni e posso dirti che il Feyenoord è un grande club europeo, con tifosi fantastici. È una squadra che lotta sempre per vincere, ogni anno. Questa stagione ha giocato un buon calcio. I biancorossi hanno diversi buoni attaccanti, segnano facilmente con Dessers e Sinisterra. Ci sono centrocampisti intelligenti come Toornstra. In questa stagione il Feyenoord ha avuto una buona forma con un buon allenatore. Slot ha portato uno spirito nuovo nella squadra, tutti sono speranzosi e penso che la Roma sia un club che il Feyenoord può battere ma dovrà giocare al 100%. I giallorossi hanno un ottimo attacco ma il Feyenoord è forte in difesa, penso che sarà un match duro per la Roma, sarà difficile segnare per i giallorossi”.

Cosa ti ricordi della duplice sfida del 2015?
“Giocai la gara dell’Olimpico, non il ritorno perché presi un’ammonizione da diffidato dopo il gol dell’1-1: sono andato verso i tifosi e mi sono arrampicato tra di loro. È un match che ricordo con piacere, l’Olimpico è fantastico. C’erano grandi giocatori come Totti, De Rossi, Gervinho, Paredes, Pjanic. Forse dimentico qualche altro grande calciatore. Era una squadra molto forte, noi eravamo una squadra minore rispetto a loro. I tifosi della Roma sono fantastici, facemmo un ottimo risultato, avevamo ottime opportunità di andare al turno successivo. Tornammo da Roma con un pareggio, e avevamo una partita in casa da giocare ma abbiamo perso con due cartellini rossi e la Roma andò avanti. Fu bellissimo giocare contro Totti e De Rossi. due tra i calciatori tra più forti della storia in Italia”.

Lex, puoi togliere un giocatore ai giallorossi: chi scegli?
“È una domanda difficile per me, ma se potessi togliere un giocatore alla Roma penso che guarderei all’attacco, a quelli che fanno gol. Tammy Abraham è un giocatore importante per la Roma, segna spesso gol pesanti. Giocava con il Chelsea e credo sia un grande giocatore con molto talento e ancora giovane. È uno di quelli che può fare gol al Feyenoord, una cosa del quale gli olandesi non hanno bisogno. Se potessi toglierei lui”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario