Resta in contatto

Prima Squadra

Abraham: “Roma mi ha conquistato. Vincere la Conference un modo per ricambiare”

Ecco le parole del centravanti giallorosso Tammy Abraham

Tammy Abraham, centravanti giallorosso, è stato intervistato da Sky Sport ad una settimana esatta dalla finale di Conference League. Ecco le parole dell’inglese:

Nella scorsa stagione hai vinto la Champions League col Chelsea, cosa significa questa finale di Conference per te?
Una finale è sempre una finale, che sia di Coppa del mondo, di Champions o di Conference. Vuoi sempre giocarla e vincerla per te stesso, per i compagni, per il club e per la città. È stato un anno particolare ma per tanti versi speciale, ci aspettano due finali: la prima col Torino, poi non vediamo l’ora di giocare la Conference League“.

Il tuo colpo di testa vincente col Leicester ha portato in delirio un intero stadio e una città, ci ripensi a quel gol?
A dire il vero continuo a rivedere quel video. Sapevo cosa ci avrebbe riservato il Leicester, conoscevo bene la squadra a differenza di molti miei compagni. Avevo voglia di rivalsa, ci aveva battuto in finale di FA Cup, volevo vendicarmi ed è stato bellissimo farlo con un gol. Adesso sarebbe bellissimo conquistare la finale per rivedere con più piacere quel gol“.

Tanti campioni in Italia hanno avuto dei problemi, tu hai sempre avuto un rendimento molto alto. Come hai fatto ad avere questo approccio?
È merito anche dei miei compagni, dello staff e dei tifosi, perché non è mai facile arrivare in un Paese e in un campionato diverso e ambientarsi bene. Mi sono sentito a casa dal primo giorno, per quello ho promesso di ricambiare dando tutto me stesso, con cuore sangue e sudore. Il modo migliore per ricambiare tutto questo affetto e fiducia sarà quello di sollevare un trofeo, quando lo solleveremo e non se lo solleveremo. E nel complesso giocare in Italia sarà una delle esperienze più belle della mia vita“.

Che idea ti sei fatto del Feyenoord?
È un’ottima squadra, che gioca un calcio molto bello e d’attacco. Hanno un attaccante che ha segnato un gol più di me, devo cercare di mettere le cose a posto. È una squadra che gioca bene e ho visto qualche immagine. Rick (Karsdorp) me ne parla bene, dice che è una squadra rapida che vuole segnare dei gol, come vogliamo fare noi. Dovremo semplicemente batterli ed essere superiori“.

C’è un olandese in squadra, Rick Karsdorp, può aiutarvi?
È chiaro che per lui sarà una partita speciale contro il club in cui è cresciuto. Sarà una finale speciale contro una squadra che anche io ho conosciuto a livello di sfide giovanili. Sarà una partita speciale tra due grandi club che si affrontano nella finale di questo nuovo torneo“.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra