Resta in contatto

Rassegna Stampa

Aspettando la Roma, Mkhitaryan parla con i nerazzurri: può arrivare gratis

I nerazzurri provano l’assalto a sorpresa

Inizialmente il rapporto tra lui e Josè Mourinho era stato messo in discussione per i trascorsi al Manchester United, ma in stagione il tecnico difficilmente ha poi rinunciato ad Henrikh Mkhitaryan. L’armeno ha rinnovato il proprio contratto con la Roma un anno fa, ma adesso è di nuovo in scadenza. Tutte le parti, club giallorosso, giocatore e allenatore, sembrano volere lo stesso epilogo: il rinnovo del trequartista. Ma nell’attesa che la società dei Friedkin riprenda i discorsi sui rinnovi di contratto per Mkhitaryan è spuntata l’Inter, interessata ad accaparrarselo. A Trigoria c’è comunque ottimismo, tanto da far supporre che il rinnovo possa essere annunciato già dopo la finale di Tirana. Anche se l’armeno costerà caro: la richiesta è di 4 milioni di euro a stagione con biennale e la Roma, a meno di catastrofi in questo finale di stagione sia in campionato che in Conference League, è disposta ad accontentarlo.

Chi lo rappresenta – scomparso Mino Raiola – ha fatto in modo di far finire il suo ‘fascicolo’ sul tavolo dell’Inter, ma non solo – c’è anche il Napoli -. Niente più di una chiacchiera fino a questo momento, niente offerte dei nerazzurri, che però ci pensano. Ed un apprezzamento della squadra di Inzaghi è arrivato alle orecchie dell’ex Arsenal. La prossima settimana, a campionato concluso, Inzaghi e i dirigenti si vedranno per un vertice di mercato che nelle idee dovrà chiarire quali sono le priorità e quali le occasioni. In quest’ultima categoria, appunto, rientra Mkhitaryan. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa