Resta in contatto

Rassegna Stampa

Servono cessioni: Zaniolo è al bivio

Pinto pronto a valutare offerte per ogni giocatore

Squadra che vince si cambia. La Roma quest’anno vende, più di quanto non abbia fatto nelle ultime due estati. Se si tolgono, per motivi diversi, Rui Patricio, Smalling, Spinazzola, Zalewski, Pellegrini ed Abraham, tutti gli altri possono essere oggetto di trattative. Non significa che siano stati messi tutti sul mercato venti giocatori, ma Tiago Pinto è pronto a valutare offerte praticamente per chiunque. O a salutare chi non rinnoverà.

Il primo nodo che si sta per sciogliere è Mkhitaryan, promesso sposo dell’Inter a parametro zero. La Roma gli ha offerto un anno di contratto con rinnovo facile per una seconda stagione a 3.5 milioni di euro netti di stipendio e continua ad attendere una risposta dall’entourage dell’armeno. L’aria è quella di un addio, ma Mkhitaryan ha già dimostrato un anno fa di poter cambiare le carte in tavola all’ultimo quindi un po’ di speranza a Trigoria c’è ancora.

La cessione attorno a cui ruota gran parte del mercato romanista è quella di Zaniolo. È l’unico con cui fare cassa per aumentare il budget degli acquisti a a certe cifre il club giallorosso lo saluterebbe, nonostante il gol vittoria in finale di Conference. Ma si parla di numeri importanti, non troppo lontani dalla valutazione di 80 milioni assegnata al ragazzo, che ha ancora due anni di contratto. Se non dovesse arrivare un’offerta ritenuta congrua per la Roma diventerebbe quasi obbligato il rinnovo.  Lo scrive “Il Tempo”.

44 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
44 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa