Resta in contatto

Rassegna Stampa

Diawara & Co: i tagli della Roma

Diawara Guinea

Il punto sulle uscite da Trigoria

Ci risiamo. Come un anno fa, Mourinho prepara la lista degli “esclusi” insieme a Tiago Pinto. Giocatori che fanno parte della rosa ma non rientrano nei programmi e, in qualche caso, rifiutano le offerte bloccando il mercato della Roma. Se l’estate scorsa è toccato ai vari Pedro, Pastore, Nzonzi, Santon, Fazio e, per qualche giorno, anche all’ex capitano Florenzi allenarsi a Trigoria in un gruppo separato rispetto al resto della squadra, stavolta sarà certamente il turno di Amadou Diawara finire ai margini, se entro il 4 luglio (data del raduno da confermare) non avrà trovato un’altra sistemazione, continuando a impuntarsi.

La Roma considera chiuso il rapporto con il guineano. Nelle ultime due sessioni di mercato il ragazzo ha rifiutato svariate offerte, tra cui quelle del Valencia e del Venezia, che lo scorso gennaio ha spinto invano per averlo. Adesso la società vuole venderlo a titolo definitivo e non prenderà in considerazione offerte in prestito, sperando che il nuovo agente procuratore, il tedesco Daniel Delonga, convinca Diawara che è arrivato il momento di separarsi dai giallorossi.

Non è stato ancora deciso chi saranno gli altri giocatori costretti ad allenarsi a parte a Trigoria agli ordinidi un preparatore messo a disposizione dal club, ma sono in diversi a rischiare di far compagnia a Diawara. Ad esempio Kluivert, di ritorno dal Nizza. La sua buona stagione in Ligue 1 gli fa avere ancora richieste in Francia, dove lo seguono Monaco e Marsiglia. Non rientra nei programmi neppure Reynolds, che potrebbe andare in prestito in un altro club belga dopo l’esperienza al Kortrijk.

Per Villar vale il discorso di Diawara: si cerca una cessione a titolo definitivo, puntando anche a monetizzare. Lo stesso obiettivo Tiago Pinto ce l’ha per Carles Perez, che aspetta una squadra pronta a dargli spazio.

E le proposte non mancano: due club italiani (uno è l’Udinese), più un paio di società spagnole e almeno un’altra francese. Ma Perez in ogni caso non finirà fuori rosa e se non dovesse concretizzarsi la cessione prima dell’inizio del ritiro si allenerà agli ordini di Mourinho. Come Veretout, che piace a Monaco, Marsiglia e Lione. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa