Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Da Zaniolo a Dybala: la Roma ha quattro vie per far convivere i quattro tenori

Presto i quattro tenori giallorossi lavoreranno e verranno schierati insieme

Ieri non hanno lavorato insieme, perché Zaniolo, Pellegrini ed Abraham hanno fatto un programma di scarico, insieme a tutti quelli che hanno giocato con lo Sporting Lisbona. Dybala invece no, lui ha lavorato con tutti gli altri e poi ha giocato come jolly nella partitella a metà campo, segnando anche il suo primo gol in giallorosso.

Presto, però, Mourinho proverà a metterli anche tutti insieme. Sono i tenori giallorossi, le quattro stelle della fase offensiva della Roma. Il problema è capire come farli convivere. La Roma di Mourinho ha iniziato questa stagione ripartendo dalla fine della scorsa, ovvero dall’utilizzo della difesa a 3.

Con questo modulo, l’univa soluzione tattica per far giocare insieme i quattro calciatori è abbassare Pellegrini in mediana al fianco di Matic o Cristante. Il capitano, quindi, giocherebbe nella posizione occupata da Mkhitaryan nella passata annata. Davanti, invece, Zaniolo e Dybala potrebbero giostrare dietro Abraham. In alternativa, l’argentino potrebbe giocare da trequartista e il numero 22 da seconda punta al fianco del centravanti.

L’allenatore potrebbe scegliere anche il 4-2-3-1, il suo modulo preferito. In questo caso alle spalle di Abraham giocherebbero i tre tenori, con Dybala schierato sottopunta, Zaniolo a destra e Pellegrini a sinistra.

In questi allenamento Mourinho sta parlando molto con l’argentino. La Joya si sta concentrando sul gruppo, in attesa di capire se possa convivere insieme alle tre stelle in attacco. Con Abraham il feeling è già grande, così come con Spinazzola ed El Shaarawy, ma presto lo sarà anche con Zaniolo e Pellegrini. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa