Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Roma di Mou attacca senza paura. Ora si attende Belotti

È una Roma d’attacco in attesa del Gallo

Subito tutti in campo, senza paura. Nell’amichevole di ieri sera ad Haifa contro il Tottenham José Mourinho ha schierato in campo il tridente da sogno Dybala-Zaniolo-Abraham insieme a Lorenzo Pellegrini. Alla prima “vera” partita dell’argentino con la Roma, il portoghese gli regala una maglia da titolare, inserendolo come trequartista in coppia con Zaniolo alle spalle di Abraham. Un 3-4-2-1 super offensivo con Pellegrini centrocampista centrale in coppia con Cristante e Zalewski esterno sinistro. Senza paura, giocando praticamente a specchio del Tottenham di Conte e trovando l’equilibrio tattico grazie al grande lavoro di tutto il tridente offensivo in fase di non possesso.

Tutti dentro, fuori nessuno. Un esordio più che positivo che ha messo in mostra un grande senso di applicazione, soprattutto di Dybala e Zaniolo, ma anche un’intesa invidiabile con Abraham nonostante i pochissimi allenamenti insieme. Buona la prima, in attesa che il calciomercato regali altri rinforzi. L’arrivo di Wijnaldum a centrocampo è ormai prossimo, ma il gm Tiago Pinto in attacco sta lavorando per rivoluzionare la batteria delle alternative. Dopo l’esclusione dalla trasferta ad Haifa, Eldor Shomurodov è ad un passo dal Bologna. Trattativa in fase avanzata per un prestito con diritto di riscatto. Fuori un attaccante, dentro un vice Abraham. L’idea della Roma sta prendendo corpo e il nome di Andrea Belotti è il primo sulla lista. L’ex Torino è attualmente svincolato e il club giallorosso vorrebbe chiudere il prima possibile. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa