Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Scommessa Juve: ma Pogba è davvero meglio di Dybala?

Tanti dubbi sul francese

Nel 2019-20, fermo 273 giorni, non giocò praticamente mai. Domanda: se Dybala non dava garanzie sotto il profilo medico, era proprio Pogba il Terminator cui affidarsi? Dice: l’argentino aveva lacune immense in quanto a carisma mentre Pogba…

Già Pogba. Al Manchester il suo biglietto da visita è lo sbarco su Twitter in versione emoticon con l’hashtag #Pogba a imitazioni e dei campioni Nba. “Bisognerebbe pensare meno agli emoticon e più al pallone”, lo punzecchia Mourinho dopo le prime deludenti partite giocate dal francese. Iniziano due anni e mezzo di guerra. Nel febbraio 2018, contro il Valencia in Champions, Mourinho schiera al suo posto il giovanissimo McTominay.

L’indomani c’è il match di Carabao Cup contro il Derby County e Josè manda Pogba in tribuna. Ai rigori passa clamorosamente il Derby e Pogba su Instagram posta un video in cui sghignazza sugli spalti assieme a Pereira e Shaw. Alla ripresa degli allenamenti Mou lo affronta di petto sotto gli occhi delle telecamere: la frattura è ormai insanabile.

Pogba esulta quando lo United esonera lo Special One e assume Solskjaer: ma non è che le cose cambino. Contro il Wolverhampton Paul litiga con Rashford per un rigore da tirare: alla fine lo tira lui, lo sbaglia (per la 44 volta in 12 mesi) e il Manchester pareggia. Gioca sempre con sussiego e presunzione e i grandi ex del Manchester come Scholes e Rio Ferdinand lo attaccano duramente. Persino Rangnick, che sostituisce Solskjaer a fine 2021, non lo risparmia: “Il rinnovo di Pogba? – dice il 3 gennaio 2022 -. Sarà meglio che Paul pensi a ritornare in forma”. Sei anni a Manchester, un continuo e colossale flop.

Ben tornato Pogba. E che Dio te la mandi buona. Scrive Paolo Ziliani su “Il Fatto”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa