Resta in contatto

Rassegna Stampa

La difesa è un bunker: adesso segnare alla Roma è quasi un’impresa

Nove clean sheet in campionato nel 2022

Nove clean sheet in campionato nel 2022, seconda solo al Milan. Un inizio di stagione, considerando amichevoli e partite ufficiali, in cui la Roma, sei volte su nove, ha tenuto la porta inviolata: Trastevere, Sunderland, Portimonesne, Tottenham, Shahktar e Salernitana. Un gol è stato incassato contro Ascoli e Nizza mentre contro lo Sporting ne sono stati presi tre.

L’eccezione che conferma la regola, perché da sempre la tenuta difensiva è una delle regole delle formazioni di Mourinho. E la Roma non è diversa dalle altre. Anche perché Mou sa perfettamente quanto ai giocatori piaccia sentirsi sicuri, cosa che, ad esempio, a Trigoria non succedeva con il suo predecessore.

Dopo i sei gol incassati con il Bodo, quasi un anno fa, le cose al Fulvio Bernardini sono cambiate drasticamente, anche grazie al ricordo alla difesa a tre. Mourinho ha confermato che con il modulo attuale la Roma si senta più sicura e questo, per lui, è fondamentale.

Non è solo un discorso di difesa, di Smalling, il vero leader del reparto, di Mancini o di Ibanez: è tutta la squadra ad avere una fase difensiva importante. Adesso dovranno essere i centrocampisti a dare una mano ancora più importante alla retroguardia per consentire a Mourinho di schierare, contemporaneamente, Dybala, Abraham, Zaniolo e Pellegrini. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa