Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho: “Zaniolo? Vorrei che restasse”

Le parole di Mou in conferenza stampa

Alla vigilia del match con la Cremonese, Mourinho si è divertito a dispensare assist sotto forma di messaggi. Per una volta, nemmeno troppo criptici. Ha così iniziato con la società sulla questione Zaniolo: “Nel puzzle che abbiamo costruito, come caratteristiche dei giocatori, è molto più importante per noi rispetto a prima. Fisicamente è agile e fresco, merito suo e poi nostro, come staff, ma se mi chiedete se resta dico che è una domanda per lui e per il direttore. A me piacerebbe molto se restasse qui“. Una speranza che somiglia molto ad una certezza, confortata da quanto accaduto negli ultimi tempi con Nicolò che sembra ormai essersi convinto a restare per poi affrontare a settembre la querelle contrattuale.

Dopo l’endorsement a Pellegrini (“Ho detto che mi sarebbe piaciuto avere tre Lorenzo in un momento in cui stava crescendo, un anno fa. Può ancora crescere, ma adesso è davvero un grande giocatore. Così grande che può giocare in più di tre posizioni. Ha una maturità calcistica incredibile, può giocare nelle posizioni di Dybala o Zaniolo, a centrocampo. Per noi vale tanto. Lorenzo giocherà tanto e ovunque, può farlo“), si è dedicato a Cristante, ancora alle prese con il rinnovo contrattuale: “E’ importante, a tutti i livelli, come giocatore e come persona, è innegabile“. Un puzzle completato con l’elogio della tifoseria: “E’ incredibile. La base di tutto è la passione dei tifosi, ma sentiamo l’orgoglio di avere una responsabilità nel dover sviluppare questa empatia. Questa cosa è bellissima per noi, ma anche per il calcio italiano. All’estero guardano la Roma e le nostre partite all’Olimpico, io ho contatti ovunque, tutti hanno un’impressione fantastica”.

Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa