Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Prove di Joya. Dybala superstar, la cura-Roma funziona: è sempre lui il top

Dybala al top in questo primo periodo a Roma

Parafrasando le parole di José Mourinho, “è quasi sorprendente che in una sconfitta per 4-0 il migliore in campo faccia parte della squadra che ha perso“. Già, e probabilmente è una delle tante iperboli dialettiche del portoghese perché a Udine le prestazioni di tre bianconeri come Deulofeu, Pereyra e Udogie sono state di assoluto livello, praticamente top.

Ma anche la gara di Paulo Dybala alla Dacia Arena, in effetti, non è stata certo da meno di quelle dei tre sopra, con il fantasista argentino che è stato di fatto l’unico della truppa giallorossa a giocare ad un certo livello, senza naufragare nel marasma generale.

Ed allora è anche vero che la cura-Mou sta funzionando davvero per Paulo. Perché la Joya sembra davvero rinato rispetto agli ultimi tempi vissuti nella Juventus, dove a tratti sembrava quasi un estraneo. O, comunque, quasi un separato in casa. Da quando è sbarcato invece a Roma Dybala sembra aver ritrovato soprattutto la gioia di giocare, il divertimento di esserci, la consapevolezza di avere un ruolo fondamentale e di essere nuovamente un giocatore decisivo per le sorti della propria squadra.
E questo non gli ha solo riacceso l’animo, ma anche ricaricato quelle batterie invisibili del cuore. Che poi si tratta di adrenalina. entusiasmo, passione, tre sentimento che la Joya è tornato a vivere in questa sua avventura capitolina.
Lo scrive La Gazzetta dello Sport.
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa