Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Karsdorp operato: torna tra un mese

I giallorossi perdono il terzino per tutto il mese prossimo

Rick Karsdorp ha iniziato il cammino per tornare il prima possibile a disposizione di Mourinho. Alle 8.20 di ieri il terzino giallorosso si è imbarcato da Ciampino per volare in Svizzera con l‘aereo privato dei Friedkin, in direzione St. Moritz. L’olandese era atteso dal Dott. Georg Ahlbäumer – direttore della clinica Klinik Gut, partner della Roma dal febbraio 2021 – che nel pomeriggio ha eseguito un intervento per meniscectomia mediale riuscito con successo. Adesso il calciatore rimarrà un paio di giorni a riposo nella struttura di fiducia della proprietà texana, prima di rientrare nella Capitale e iniziare a lavorare con lo staff medico giallorosso per provare a rientrare prima della sosta di novembre.

Fortunatamente Karsdorp aveva riportato una lesione al menisco interno: se a essere lesionato fosse stato quello esterno infatti i tempi di recupero sarebbero stati più lunghi. In questo caso invece il giocatore potrebbe ricominciare ad allenarsi in gruppo nel giro di un mese e mezzo. Questo vuol dire che se non dovessero esserci intoppi durante la riabilitazione che svolgerà a Trigoria, il classe ’95 potrebbe essere arruolabile per il derby del 6 novembre oppure per uno degli impegni che precedono la pausa-Mondiale contro Sassuolo e Torino. Se invece al Fulvio Bernardini dovessero scegliere la via più cauta, Karsdorp potrebbe tornare direttamente dopo la sosta. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa