Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Totti con i figli e Noemi: un taglio alla torta e uno al passato

Compleanno inedito per l’ex capitano giallorosso

Il primo compleanno senza Ilary Blasi, il secondo senza l’amatissimo padre Enzo: due assenze, per quanto ovviamente diverse, nella vita di Francesco Totti, che ieri ha festeggiato i 46 anni. Il pensiero al papà, lo Sceriffo, c’è stato perché, per la prima volta dopo tanto tempo, lo storico capitano della Roma ha festeggiato con gli amici di sempre, quelli di una vita, coloro che negli ultimi anni erano stati messi un po’ in disparte a favore, magari, di rapporti più congeniali ai gusti della moglie. Con loro, con Noemi e con i figli, Francesco ha brindato al ristorante lunedì sera per poi, a mezzanotte, soffiare sulla torta. Una serata all’insegna della musica, dei sorrisi e della buona cucina, senza spazio per quella malinconia che, negli ultimi mesi, è stata la sua compagna più fedele. Perché, nonostante la nuova storia lo renda felice, Totti ha vissuto sulla sua pelle gli errori (suoi e di Ilary) per la fine del matrimonio e l’inevitabile sofferenza che hanno provato Cristian, Chanel e Isabel.

Non è un caso che ieri, su Instagram, abbia ricondiviso solo i loro auguri: il maschio, 17 anni tra un mese e mezzo, gli ha scritto: “Auguri vita, ti amo da morire”, mentre la secondogenita, 15 anni, ha scelto una canzone di Vasco Rossi (“Come nelle favole”) e poi ha aggiunto: “Auguri all’unico uomo della mia vita, ti amo tantissimo”. Sono state queste le uniche dichiarazioni e gli unici auguri che per Totti contavano davvero, anche se la Roma, le istituzioni del calcio e i romanisti gli hanno dedicato tanto affetto via social. #Totti è stato in tendenza per buona parte della giornata anche se, rispetto al passato, in modo decisamente più discreto. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa