Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Stadio della Roma

Stadio della Roma: prima pietra nel 2024, debutto nel 2027? Circondato da 3mila alberi

Cosa c’è nel piano presentato al sindaco di Roma. Si punta all’inaugurazione il giorno dei 100 anni del club

E’ cominciato oggi il percorso del nuovo stadio della Roma che ha come obiettivo la disputa della prima partita ufficiale nel 2027, quando il club giallorosso compirà cento anni.

Se tutto filerà secondo le aspettative, entro la fine del 2024 si potrà porre la prima pietra per lo stadio, che sarà tecnologico, innovativo e a zero impatto ambientale.

La Roma ha già previsto di piantare tremila alberi nell’area interessata, che aiuteranno a eliminare qualsiasi residuo di impatto acustico. L’obiettivo è che dentro l’impianto ci sia il rumore di una bolgia e fuori non si senta quasi nulla, a tutto beneficio degli abitanti della zona.

Ma il nuovo stadio quanto sarà capiente? Nel giro di un semestre la società ha ampliato la forbice di previsione. Se prima di pensava dai 55 ai 60.000 spettatori, si andrà da un minimo di 60.000 a un massimo di 65.000 spettatori, rendendo possibile l’utilizzo dell’impianto per tutte le grandi manifestazioni, fra cui anche la finale dell’Europeo 2032, qualora fosse assegnato all’Italia.

Un altro obiettivo è far vivere l’impianto sette giorni su sette, anche con concerti e manifestazioni. Tutti sono sicuri che ci sarà la fila delle grandi aziende – magari a partire proprio dalla Toyota (legata ai Friedkin) – per sponsorizzare lo stadio.

Si legge su gazzetta.it.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Stadio della Roma