Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Youth

La Roma ha riscoperto il suo giovane Cassano. Arrivata anche la convocazione in prima squadra

Nella Roma Primavera uno dei protagonisti di questa stagione è l’esterno Claudio Cassano, che sta brillando sotto la nuova gestione Guidi. Ed ora per lui è arrivata anche la convocazione in Prima squadra

La Primavera in estate ha cambiato allenatore e il nuovo mister Federico Guidi ha portato da subito le sue idee anche nelle scelte di formazione. Il modulo è stato modificato con il 4-3-3 che ha sostituito un 3-4-1-2 che penalizzava soprattutto le ali pure. Di conseguenza tra i ragazzi che più hanno beneficiato dell’arrivo del tecnico toscano c’è sicuramente il classe 2003 Claudio Cassano che si sta decisamente rilanciando dopo una stagione in chiaroscuro. I numeri parlano da soli: nel 2021-22 in Primavera ha messo a referto 19 presenze e 2 gol, mentre nella stagione attuale le statistiche recitano già 6 presenze, 4 gol e 3 assist.

Entrando in un’analisi più specifica c’è anche da dire che l’anno scorso le sue grosse qualità tecniche sembravano ostacolate dalla fisicità che lo penalizzava in tantissimi duelli. Ora questo aspetto si avverte molto meno e Cassano sta esprimendo con più efficacia le sue giocate che portano imprevedibilità e vivacità al reparto offensivo giallorosso.

Anche l’aspetto psicologico può entrare in gioco dato che per un calciatore estroso è fondamentale sentire la fiducia di un mister per poter rischiare la giocata con profitto.

Inoltre ai piani alti il suo rendimento non sta passando inosservato e non è un caso che siano sempre più frequenti gli allenamenti in prima squadra agli ordini di mister Mourinho. Un possibile esordio nella Roma dei grandi non è più un miraggio.

Il percorso

Claudio Cassano è arrivato in giallorosso nell’estate 2018 dal Bisceglie per essere inserito nella squadra U16.
Da subito si è imposto come uno degli elementi di spicco del gruppo 2003 della Roma che veniva da una stagione U15 un po’ deludente. In U17 si è confermato mettendo a referto 15 presenze e 12 gol nonostante l’interruzione dei campionati a causa del Covid.

In U18 ancora numeri importanti con 21 apparizioni e 12 reti e uno scudetto perso solo all’ultimo atto in finale contro il Genoa nonostante una Roma fortissima con anche Volpato, Felix e Tahirovic. Poi il passaggio in Primavera dove inizialmente ha faticato ma ora il suo talento sta emergendo nuovamente.

Le caratteristiche

Ala di piede destro che può giocare sia a destra che a sinistra. Risulta molto rapido nel breve mettendo spesso in crisi i difensori avversari soprattutto se sono poco mobili. Il salto di qualità definitivo potrà avvenire quando riuscirà a reggere il confronto fisico con qualsiasi tipo di avversario strutturato dato che nel calcio dei grandi la fisicità diventerà un criterio ancora più selettivo. Per quanto riguarda l’incisività sotto porta in giallorosso ha sempre mostrato un ottimo feeling con il gol. Senza tralasciare il fatto che dialoga bene anche con la squadra in particolare attraverso scambi rapidi nello stretto.

Ed ora la convocazione in prima squadra

Questo periodo per Claudio Cassano sarà uno dei più belli e che ricorderà a lungo. Oltre che brillare ed essere uno dei protagonisti della Roma Primavera, è stato convocato anche in prima squadra per Betis-Roma. Mourinho vede del grande potenziale in lui e così ha deciso di portarselo con sé nell’impegnativa trasferta europea. Ora per Claudio è il momento di mostrare tutte le sue qualità tecniche, con l’obiettivo di conquistarsi un posto fisso in prima squadra.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Youth