Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Arriva Solbakken: accordo col norvegese, manca solo la firma

Il Napoli si arrende. Pronto il contratto fino al 2027 per l’attaccante

Un altro colpo a parametro zero. La Roma ha messo le mani su Ola Solbakken, che sarà il primo rinforzo nel mercato di riparazione, seguendo la stessa strategia sposata in estate dopo l’accordo con la Uefa ce impone alle società di tenere in attivo il saldo acquisti/cessioni. In questo senso, l’attaccante norvegese è un’occasione allettante, sulla quale Tiago Pinto ha lavorato per mesi e adesso tutti i tasselli sembrano essere incastrati nel modo giusto. Raggiunto un accordo con gli agenti di Solbakken, si attende la firma fino al 2027.

La sfida a distanza con il Napoli se la aggiudicano i giallorossi, che sono stati costretti a rinviare l’acquisto dell’attaccante perché il Bodo Glimt non ne ha voluto sapere di trattare un indennizzo per liberare il giocatore prima della scadenza del contratto prevista il prossimo 31 dicembre. Ma da luglio Solbakken era libero di firmare per un altro club e dovrebbe farlo il prossimo mese, dopo lo stop al campionato. Il primo blitz estivo di Solbakken (3 luglio) è servito a conoscere meglio la città e la proposta giallorossa, nel secondo viaggio (16 luglio) è invece passato per Villa Stuart dove si è fatto visitare la spalla infortunata e ha incontrato i rappresentanti del Napoli. Il quel momento l’opzione Roma sembrava tramontata, invece i campani hanno a loro preso tempo e Pinto è riuscito a inserirsi con forza al termine della finestra di mercato.

Lo scrive Il Tempo

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa