Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Spugna: “Tre punti importantissimi al termine di una partita complicata”

Le parole dell’allenatore giallorosso: “La cosa bella è che la squadra ha saputo soffrire quando c’è stato da soffrire”

Non poteva esserci debutto migliore per la Roma in Champions League e per il suo allenatore, Alessandro Spugna. Di seguito le dichiarazioni del tecnico dopo la vittoria delle giallorosse con lo Slavia Praga.

Quanto è importante iniziare questo percorso in Champions con una vittoria?
“Ai fini del risultato è importantissimo. Però, vorrei sottolineare il fatto che è stata una partita tosta. La cosa bella è che la squadra ha saputo soffrire quando c’è stato da soffrire, e poi nella ripresa è venuta fuori, anche grazie a qualche accorgimento dato nell’intervallo.
Siamo riuscite a creare diverse situazioni favorevoli e in una di queste è arrivato il gol. Forse ce n’era anche un altro regolare, ma importa poco: contano i tre punti al termine di una partita davvero complicata”.

La Roma è sempre stata in comando, non ha mai dato l’impressione di soffrire lo Slavia Praga.
“Dal punto di vista del gioco, magari no. Chiaramente qualche pericolo lo abbiamo corso, ma lo avevamo messo in preventivo, perché loro sono una squadra molto fisica e la loro fisicità oggi ci ha creato qualche problema.
Per quanto riguarda il gioco, nel primo tempo forse abbiamo faticato un po’ a palleggiare come siamo abituate. Nel secondo, abbiamo avuto un po’ più di coraggio e abbiamo creato qualche situazione in più”.

Questa Roma riesce a portare a casa le gare anche in modo un po’ sporco.
“Fa parte dell’esperienza che crei partita dopo partita. Queste sono gare che ti danno consapevolezza, coraggio, forza. Quindi, anche quando magari c’è da portare a casa una partita sporca, adesso ci siamo”.

Si aspettava di trovare così tanta gente a Latina?
“Lo speravo. Questa è una bella cosa. Dobbiamo ringraziare questo pubblico, perché ci ha sostenuto anche nei momenti difficili del match. Si è sentito. Mi fa enormemente piacere”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile