Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 22 ottobre 2009: Fulham-Roma 1-1, segna Andreolli all’ultimo respiro (VIDEO)

I giallorossi di Ranieri, dopo un pari e una vittoria in Europa League, pareggiano in Inghilterra al 93′


Il 22 ottobre 2009, con Ranieri in panchina subentrato da poco più di un mese a Spalletti, la Roma vola al “Craven Cottage” di Londra per affrontare il Fulham di Hodgson nella terza giornata di Europa League. Fino a quel momento i giallorossi hanno ottenuto una sconfitta (2-0 in casa del Basilea) e una vittoria (2-0 all’Olimpico sul CSKA Sofia).

Gli inglesi partono subito forte e già dopo pochi minuti sfiorano la rete con Greening che, dopo un’azione d’angolo, calcia dal limite dell’area e trova i guanti di Doni a dirgli di no. I padroni di casa comunque giocano meglio e al 25′ passano meritatamente in vantaggio: sempre da corner, Hangeland svetta, sfruttando un’uscita a vuoto di Doni, e insacca in rete. Restano dei dubbi: il calciatore del Fulham sembra aver toccato la palla anche con il braccio.

Nel secondo tempo comunque la Roma entra con un piglio diverso e mette alla corda gli inglesi spingendo per trovare il pareggio. Il direttore di gara, il belga Aallaerst, prima nega un rigore a Menez (spinta e tocco di mano di Kelly), poi concede il tiro dagli 11 metri per fallo dello stesso Kelly (che viene espulso) su Riise. E’ il 75′. Sul dischetto va Menez, ma Schwarzer para il destro incrociato del francese. La squadra di Ranieri comunque non si arrende al 93′, dopo un calcio d’angolo prolungato sul secondo palo, la palla arriva ad Andreolli che stoppa di petto e al volo insacca sotto la traversa e regala il pari alla Roma.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord