Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Siamo la Roma

PAGELLE – Helsinki-Roma 1-2: Tammy c’è! ElSha ci mette lo zampino

La Roma batte l’Helsinki: ora l’ultima sfida con il Ludogorets

RUI PATRICIO 6

Continua a prendere gol dove può far poco e nulla. Sfortunato.

Trigoria

MANCINI  5,5

Non una gran serata. Prende un giallo in maniera plateale, scivola sul gol di Hetemaj.

SMALLING  6

Il sintetico non è forse la miglior superficie per esprimersi con la solita sicurezza, ma l’inglese non tradisce le attese.

VINA  6

Propositivo e generoso, sfiora il gol nel primo tempo.

ZALEWSKI  6

Si fa vedere spesso in avanti, ma i suoi suggerimenti non sono sempre precisi.

CRISTANTE  6

Altra partita di personalità. Segna su angolo, viene annullato per la posizione di Volpato.

CAMARA  6

Su un campo così insidioso, la sua gamba risulta preziosa.

EL SHAARAWY  6,5

Vivace, sempre pungente sulla fascia. Aiutato da una deviazione, segna il gol del raddoppio.

PELLEGRINI  6,5

E pensare che non era al meglio. Cresce alla distanza, sul gol di Abraham disegna un cross perfetto.

VOLPATO 6

Non gli manca mai il coraggio della giocata.

ABRAHAM  7

Prima impegna Hazard, poi lo buca con un colpo di testa da attaccante di razza. Nella ripresa sfiora a più riprese la doppietta personale. Bentornato Tammy.

SHOMURODOV 6

Entra nel finale, sfiora il gol ma Hazard è bravo in uscita bassa.

BOVE SV

Entra nel finale.

FATICANTI SV

Entra nel finale.

KUMBULLA SV

Entra nel finale.

MOURINHO  6,5

Il risultato che serviva, la prestazione che ci voleva e le notizie dai singoli (Abraham) che aspettava con ansia. La Finlandia è dolce per lo Special One.

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamo la Roma